Colto da un malore in mare: esce, si accascia sulla spiaggia e muore

La tragedia questo pomeriggio a Torre Chianca. Forse una congestione per un kosovaro 62enne, dopo aver consumato panino e birra. Vani i tentativi di rianimazione

Foto di repertorio.

TORRE CHIANCA – Per mezzora hanno tentato di rianimarlo, ma non c’è stato verso. Il malore che ha colpito Mehmet Rexhepi, 62enne, origini kosovare, è stato violento e, purtroppo, fatale. E la giornata di mare s’è trasformata in disperazione pura per il gruppo di amici che, con lui, avevano raggiunto la spiaggia di Torre Chianca, marina leccese, per una soleggiata domenica di spensieratezza, prima di tornare agli affari della vita quotidiana.

La tragedia s’è consumata nel pomeriggio di oggi su un tratto di spiaggia nei pressi del Lido San Basilide, che fa capo all’amministrazione penitenziaria. Rephepi era entrato in acqua per un bagno, ma, poco dopo, n’è uscito accusando un forte senso di malessere. E, appena raggiunta la riva, s’è accasciato sulla sabbia. Sono stati chiamati subito i soccorsi del 118, e, fintanto che arrivasse l’ambulanza, si sono provate le prime manovre rianimatorie tramite alcuni medici presenti nel lido. Ma non c’è stato nulla da fare e gli stessi operatori sanitari, dopo più tentativi, hanno dovuto constatare il decesso dell’uomo.

Da chiarire cosa sia successo, perché l’uomo si sia sentito male al punto da morire in pochi istanti, ma una possibilità concreta è che sia stato colto da una congestione. Poco prima di entrare in acqua, infatti, aveva consumato un panino e una birra, circostanza riferita da alcuni presenti agli agenti di polizia delle volanti, intervenuti sul posto. L’uomo era residente a Lecce e viveva da solo. La salma è stata trasportata presso la camera mortuaria dell’ospedale “Vito Fazzi” del capoluogo su disposizione del pubblico ministero di turno, Alessandro Prontera. Si dovrà svolgere un esame autoptico proprio per accertare le cause precise del decesso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento