menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pescatori sportivi “pizzicati” con rete di 500 metri: sequestro e multa salata

L'intervento della guardia costiera fra Torre Chianca e Torre Rinalda. Elevate sanzioni amministrative per mille euro

TORRE CHIANCA – Due pescatori sportivi sono stati sanzionati e la rete utilizzata, di 500 metri, è stata posta sotto sequestro dopo un controllo svolto dalla guardia costiera di Gallipoli e dell’ufficio locale marittimo di San Cataldo lungo il litorale di Lecce.

L'ispezione è avvenuta ieri mattina. I militari si sono accorti dei due uomini intenti a pescare con attrezzature non idonee davanti a Torre Chianca, marina del capoluogo. Si trovavano a bordo di una barca, rientrata poco dopo su una spiaggetta nella vicina Torre Rinalda. Solo che qui ad attenderli c’erano proprio gli uomini della guardia costiera che, constatato il fatto che la rete non fosse conforme, l’hanno sequestrata, insieme a 9 chilogrammi di pescato, elevando una sanzione amministrativa di mille euro.

Nei giorni precedenti c’erano stati altri interventi simili, sia sempre sul versante adriatico, con il sequestro da parte della guardia costiera di Otranto di una rete di circa 200 metri, utilizzata, sia su quello ionico, dove sono tornati in mare 3.600 ricci.

Ma come esercitare la pesca sportiva senza finire nei guai? Basta, ovviamente, attenersi ai regolamenti. Gli attrezzi individuali e non individuali consentiti per la pesca sportiva sono esclusivamente questi: coppo o bilancia (lato massimo di 6 metri); giacchio o rezzaglio o sparviero (perimetro massimo 16 metri); lenze fisse quali canne a non più di tre ami (massimo cinque canne per ogni pescatore), lenze morte, bolentini, correntine a non più di sei ami, lenze per cefalopodi, rastrelli da usarsi a piedi.

Ancora: lenze a traino di superficie e di fondo e filaccioni; nattelli per la pesca in superficie, fucile subacqueo, fiocina a mano, canna per cefalopodi; palangari fissi o derivanti (massimo 200 ami per barca); nasse (massimo due per barca).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento