Battuta Torre dell'Orso: due denunce per furto e abiti contraffatti nascosti

Nella marina di Melendugno controlli in spiaggia di carabinieri e polizia locale. Nei guai finiscono due turisti di Bitonto

MELENDUGNO – Due denunciati per furto e il rinvenimento di merce contraffatta abbandonata da qualche ambulante alla vista delle divise. Sono alcuni degli interventi degli ultimi giorni a Torre dell’Orso, nota marina di Melendugno. L’episodio più recente risale proprio a oggi. I carabinieri della stazione di Melendugno e della sezione radiomobile di Lecce, al termine delle analisi di alcune telecamere, dopo la denuncia di furto sporta dalla vittima, ha identificato due soggetti.

Si tratta di P.R., 36enne e S.A., suo coetaneo, entrambi di Bitonto. I due sarebbero, il giorno precedente, avrebbero rubato uno zaino e un marsupio da una Renault Modus parcheggiata nei pressi dello stabilimento balneare Le Due Sorelle. Durante le perquisizione sulla vettura Renault Clio in uso a P.R, i carabinieri hanno ritrovato lo zaino, restituito al proprietario.

Un paio di giorni prima, invece, lungo l’arenile di Torre dell’Orso, i carabinieri della stazione di Melendugno, di Lecce principale, della sezione radiomobile e la polizia locale di Melendugno, nel corso di una perlustrazione coordinata per prevenire reati, hanno ritrovato 29 paia di scarpe, 14 giubbotti, 8 magliette e 6 pantaloncini, tutti con marchi contraffatti. La merce era nascosta sotto un pontile, nelle vicinanze della pineta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento