Cronaca

Torre Squillace, prodotti ittici non tracciati: scattano sequestro e multa

Sanzionato il gestore di una struttura ricettiva nella marina di Nardò. C'erano anche una decina di chili di ricci di mare

TORRE SQUILLACE – Ammontano a circa 40 i chilogrammi di prodotti ittici sequestrati dalla capitaneria di porto di Gallipoli nel corso di alcuni controlli sulla filiera della pesca. Le ispezioni hanno riguardato una struttura ricettiva di Torre Squillace, in territorio di Nardò.

Nel corso delle verifiche, è emerso che una parte del prodotto, detenuto per preparare e somministrare pietanze tipiche salentine, era sprovvista della documentazione che ne attestasse la tracciabilità delle specie ittiche rinvenute.

Il video della guardia costiera

I militari della guardia costiera hanno quindi sanzionato il titolare per mille e 500 euro e a sequestrare i prodotti, fra cui 10 chilogrammi di ricci di mare dei quali il titolare non è stato in grado di attestarne la provenienza e di conseguenza in quali acque fosse stata effettuata la raccolta.

A tale proposito, la capitaneria di porto di Gallipoli invita gli acquirenti di molluschi (mitili, vongole e simili) ed echinodermi (ricci di mare) a sincerarsi della presenza del bollo sanitario che attesta stabulazione e conservazione presso i centri autorizzati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torre Squillace, prodotti ittici non tracciati: scattano sequestro e multa

LeccePrima è in caricamento