rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Traffico / Acquarica del Capo

Traffico di droga dall’Olanda e dal Brasile: inflitti 136 anni di reclusione

La pena più severa, a 14 anni, è stata comminata a Pierpaolo Pizzolante, 31enne di Acquarica, nel processo scaturito dall’operazione “Skipper”. Sono 19 in tutto le condanne e due le assoluzioni

ACQUARICA-PRESICCE - Emessa la sentenza nel processo discusso col rito abbreviato su una delle più importanti operazioni anti droga eseguite negli ultimi anni, denominata “Skipper”, condotta dalla Squadra mobile di Lecce con la Direzione investigativa antimafia lo scorso 2 febbraio.

Sono quattordici gli anni inflitti (in continuazione a una precedente sentenza diventata irrevocabile) a Pierpaolo Pizzolante, il 31enne di Presicce-Acquarica ritenuto uomo di fiducia di Alduino Giannotta, il 59enne considerato dagli investigatori al vertice di un sodalizio dedito al traffico internazionale di cocaina, sull’asse Olanda-Brasile (nazione dove si era trasferito e dove è attualmente detenuto), con destinazione finale proprio il basso Salento.

Ma nel processo è caduta l’accusa di essere tra i capi promotori del gruppo e in considerazione della quale la pubblica ministero Carmen Ruggiero aveva chiesto per lui una pena più severa, a vent’anni.

Il verdetto è stato emesso oggi dal giudice per l’udienza preliminare Alcide Maritati, al temine del processo discusso col rito abbreviato e ha riguardato: Luigi Basilicata, 53enne di Napoli, condannato a 12 anni e dieci mesi; Nicolò Urso, 23enne di Presicce, a 9 anni e 4 mesi; Giovanni Rizzo, 53enne di Taviano, a 11 anni; Angelo Donato Rainò, 54enne di Taviano, a nove anni; Ciro Pizzo, 27enne di Napoli, a 10 anni e 4 mesi di reclusione; Silvestre Attianese, 44enne di Casapesenna (Caserta), a 5 anni, più 24mila euro di multa; Corrado Lanzilli, 44enne di Napoli, a sei anni, più 26mila euro di multa; Patrick Sasha Esser, 33enne di Acquarica del Capo, a 5 anni, 4 mesi e 26mila euro di multa; Mario Attianese, 44enne di Casapesenna (Caserta), a sette anni, più 32mila euro di multa; Errico Sinistro, 45enne di Lecce,a sette anni e due mesi (in continuazione a una precedente sentenza), più 33mila euro di multa. E ancora: Giuseppe Amato, 65enne di Scorrano, a sei anni e otto mesi, più 30mila di multa; Hicham Kabouri, 46enne residente a Ruffano, condannato a cinque anni di reclusione, più 24mila euro di multa; Antonio Cioffi, 70enne di Nardò, a sette anni, più 32mila euro di multa; Altin Shehaj, 42enne di Melissano, a quattro anni, più 18mila euro di multa; Andrea Rizzo, 30enne di Taviano, a 4 anni, più 18mila euro di multa; Gianluca Saiella, 54enne di Roma, a quattro anni, più 18mila di multa; Roxhers Nebiu, 30enne residente a Taviano, a sei anni, più 27mila euro di multa; Francesco De Paola, 67enne di Presicce-Acquarica, a due anni e mezzo di reclusione, più ottomila euro di multa.

In due, sono stati assolti con la formula “per non aver commesso il fatto”: Giuseppe Ascione, 51enne di Napoli e Antonio Clemente, 38enne di San Donaci (Brindisi).

La sentenza ha inoltre imposto la confisca di veicoli e ingenti somme di denaro nei riguardi di Pierpaolo Pizzolante, Giovanni Rizzo e Luigi Basilicata.

Non appena saranno depositate le motivazioni i difensori valuteranno il ricorso in appello. Facevano parte del collegio difensivo: gli avvocati Stefano Stefanelli, Biagio Palamà, Ladislao Massari, Angelo Ninni, Pantaleo Cannoletta, Ivan Feola, Vincenzo Blandolino, Francesco Fasano, Simone Viva, Annachiara Brandolino, Alberto e Luigi Corvaglia, David Alemanno, Ezio Garzia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di droga dall’Olanda e dal Brasile: inflitti 136 anni di reclusione

LeccePrima è in caricamento