Tragedia nelle acque degli Alimini: recuperato corpo privo di vita di un 86enne

Il pensionato, originario di Castrignano de' Greci, aveva raggiunto il tratto del litorale otrantino con la sua bicicletta. Aveva lasciato sulla spiaggia portafoglio, orologio e la fede. Annegato forse a seguito di un malore. Accertamenti dei carabinieri

OTRANTO - Il miglioramento delle condizioni meteorologiche anche sul versante adriatico, questa mattina, potrebbe aver invogliato a fare un bagno rigenerante anche se ormai fuori stagione. Ma purtroppo la situazione si è trasformata ben presto in tragedia. Un pensionato originario di Castrignano de' Greci, Giuseppe Contardo di 86anni, è stato recuperato ormai privo di vita nella tarda mattinata di oggi nelle acque del litorale di Otranto, nella zona degli Alimini nel tratto di spiaggia libera nelle vicinanze del lido Universo.

Sono stati alcuni turisti e il personale del vicino stabilimento balneare a scorgere il corpo dell’uomo riverso nell’acqua, trascinato verso riva, e ad intervenire per riportarlo sul bagnasciuga, mentre nel contempo venivano allertati i soccorsi con la chiamata al 118. Quando il personale medico e sanitario è giunto sul posto non ha potuto fare altro che constatare il decesso dell’anziano, presumibilmente annegato in seguito ad un malore. Su richiesta del personale sanitario sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della stazione di Otranto che come da prassi hanno avviato le relative indagini ascoltando anche i testimoni presenti sulla spiaggia. Il tutto anche al fine di escludere del tutto l’altra ipotesi plausibile, in casi come questi, relativa ad un tentativo estremo dell’uomo di togliersi la vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli approfondimenti sono ancora in corso. Di certo al momento è stato appurato che l’86enne è arrivato sul quel tratto di litorale da solo, in sella alla sua bicicletta ritrovata nelle immediate vicinanze a ridosso della pineta. Dopo aver lasciato sull’arenile alcuni effetti personali, tra cui una maglietta, ma anche il portafoglio, l’orologio e la fede nuziale, l’uomo è poi entrato in acqua per poi essere trascinato verso riva dalla corrente, ormai privo di sensi. Una volta recuperato dai soccorritori per l’uomo non c’era ormai più nulla da fare. Sul posto, dopo essere stati avvisati, sono poi giunti anche i familiari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, aumentano i tamponi. Sono 611 i nuovi positivi e quindici i contagi nel Leccese

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

  • Muro abbattuto da braccio della betoniera, investiti studenti: muore in ospedale 22enne

  • Impatto micidiale, sette coinvolti: ragazza in codice rosso per dinamica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento