Travolse e uccise due sedicenni in scooter, la Procura chiede giudizio immediato

Giudizio immediato per Jacopo Lorusso, il 33enne originario di Bari accusato di duplice omicidio colposo aggravato. Questo l’iter scelto dalla Procura per l’uomo si trovava alla guida dell’auto che a fine settembre scorso ha travolto e ucciso due ragazzi che viaggiavano a bordo di uno scooter

LECCE – Giudizio immediato per Jacopo Lorusso, il 33enne originario di Bari accusato di duplice omicidio colposo aggravato. Questo l’iter scelto dalla Procura per l’uomo si trovava alla guida dell’auto che a fine settembre scorso ha travolto e ucciso due ragazzi che viaggiavano a bordo di uno scooter. Giorgio Sabato, 16enne di Nardò, morì sul colpo. Alex Giuseppe Furio, coetaneo, di Copertino, si spense circa cinque ore più tardi in ospedale. L’imputato potrebbe comunque chiedere di essere giudicato con il rito abbreviato. Del fascicolo è titolare il pubblico ministero Giovanni Gagliotta.

Il 33enne, sottoposto agli accertamenti per stabilire l’eventuale traccia di sostanze alcoliche o psicotrope, risultò positivo alla cocaina con un tasso alcolemico pari a 1,01 grammi per litro. Al gip Lorusso, che soffre di una grave patologia, raccontò di ricordare poco di quei drammatici momenti, e di aver avuto, con ogni probabilità, un mancamento prima di tamponare i due scooter su cui viaggiavano quattro ragazzi (due sono rimasti pressoché illesi). Le famiglie delle vittime hanno nominato due legali. Si tratta degli avvocati Francesco Cazzato, che rappresenta i Furio, e David Dell’Atti per i Sabato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo scontro è avvenuto sulla strada provinciale di raccordo fra Melendugno e la marina Torre dell’Orso, all’altezza dell’acceso per il borgo medievale di Roca Nuova. Fu così violento da coinvolgere entrambi i ciclomotori. I giovani che si trovavano sul Malaguti, un 18enne e un 19enne neretini, urtati di striscio, sono riusciti a cavarsela con pochi graffi, mentre il Gilera è stato colpito in pieno. L’auto di Lorusso viaggiava a una velocità superiore ai 110 chilometri orari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento