Tre rapine in pochi giorni a Squinzano, chiuse le indagini. Ottiene i domiciliari

Per la Procura Walter Tramacere avrebbe commesso tre rapine in una settimana, fino all'arresto in flagranza da parte dei carabinieri

LECCE – E’ stato arrestato in flagranza di reato lo scorso 13 febbraio dopo aver rapinato, con un minorenne, il discount “Md” di Squinzano, utilizzando un motocarro Ape per la fuga. Dopo aver minacciato con una pistola giocattolo (priva del tappo rosso) i commessi, si erano fatti consegnare il denaro presente in cassa, circa 350 euro. La fuga a bordo dell’insolito mezzo era durata però poco, I due erano stati fermati dai carabinieri. Walter Tramacere, 41enne di Squinzano, era finito nel carcere di Borgo San Nicola. Il 41enne, assistito dall’avvocato Benedetto Scippa, ha ora ottenuto gli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico. Il provvedimento è stato emesso dal gip Michele Toriello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Procura di Lecce, nel frattempo, ha chiuso le indagini relative ai fatti di quella sera di febbraio, contestando a Tramacere altre due rapine commesse con lo stesso modus operandi: volto coperto e arma in pugno. La prima, avvenuta il 6 febbraio, al centro scommesse Snai di Squinzano, con un bottino di mille e 200 euro. La seconda, avvenuta due giorni dopo, all’Eurospin della sua cittadina. Bottino, in questa circostanza, 340 euro. Un vero e proprio rapinatore seriale, dunque, che avrebbe agito più volte nel giro di pochi giorni secondo quanto ipotizzato dai militari dell’Arma di Squinzano e dal pubblico ministero Donatina Buffelli, titolare del procedimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Omicidio di Lecce. La criminologa: “Obiettivo dell’assassino entrambi i fidanzati”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento