Cronaca Tricase

Precipita da una scala, volo di 6 metri: muore sul colpo un uomo 68enne

La tragedia si è verificata in tarda mattinata a Tricase, in via Angiulli. Nulla da fare per l'uomo, che era all'opera su alcuni infissi di ferro al primo piano di una villetta

TRICASE – Era in cima a una scala e stava effettuando alcuni interventi ad infissi di metallo, quando, all’improvviso, ha perso l’equilibrio. Il volo, dritto giù sulla strada, è stato fatale per Donato Piscopiello, 68 anni da poco compiuti. L’uomo, residente a Tricase, è spirato praticamente sul colpo.

Si calcola che sia caduto da un’altezza di circa 6 metri e vane sono state le richieste d’intervento al 118. I sanitari giunti sul posto in ambulanza, dopo le telefonate di diversi residenti della zona, hanno potuto solo constatare il decesso dell’uomo.

3d527bd0-75fd-4bd7-a62d-208ff8a24569-2

Il tragico incidente è avvenuto verso mezzogiorno in via Andrea Angiulli, a Tricase. L’uomo, che a quanto pare effettuava saltuariamente piccoli interventi di edilizia, era all’opera al primo piano di una villetta della zona (la scala era presumibilmente posata sulla facciata dell'edificio), quando si è verificata la caduta che, purtroppo, non gli ha lasciato scampo.

Oltre agli operatori sanitari, sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Tricase, i vigili del fuoco, la polizia locale e gli ispettori dell’Area Sud dello Spesal, il Servizio di prevenzione e sicurezza sugli ambienti di lavoro dell’Asl di Lecce, per tutti gli accertamenti di rito attorno alla dinamica di questo drammatico incidente.

3ae6d189-d527-4e0b-b006-41b0799fe3df-2

Il cordoglio dei sindacati

"Una mattanza senza fine. Pochi giorni fa le morti sul lavoro di Celtahiri Flamur a Mancaversa e di Fabio Sicuro a Palmariggi hanno acceso un dibattito in provincia sulla insostenibilità di questo fenomeno. Oggi piangiamo la terza morte in dieci giorni in provincia di Lecce: Donato Piscopiello, pensionato di 68 anni che stava eseguendo lavori di manutenzione di un’abitazione". A parlare all'unisono sono Valentina Fragassi, segretaria generale della Cgil di Lecce, Ada Chirizzi, segretaria generale della Cisl Lecce e Salvatore Giannetto, segretario generale della Uil Lecce.

I tre segretari esprimono profondo cordoglio alla famiglia a nome dei sindacati che dirigono e aggiungono: "Proprio mentre giungeva la notizia dell’ennesimo lutto per il mondo del lavoro, le segreterie confederali dei tre sindacati erano riunite per affrontare il tema della sicurezza e della salute sul posto di lavoro".

67fb9615-8f1d-4f30-bb0d-299a2f4c82bc-2

Cgil, Cisl e Uil, infatti, hanno annunciato l’intenzione di lanciare una serie di assemblee sul territorio e di organizzare una manifestazione nei prossimi giorni sotto la Prefettura, per investire del tema l’ufficio territoriale del governo e per il suo tramite anche le parti datoriali e istituzionali che hanno un ruolo nella diffusione della cultura della sicurezza sul lavoro. Morti e incidenti gravi sul lavoro, secondo i sindacalisti, rispettando le norme sulla sicurezza del lavoro, possono essere ridotti in maniera sensibile.

"Nei primi sette mesi si sono registrate tredici morti sul lavoro in provincia di Lecce, alle quali si devono aggiungere i casi di agosto, con gli incidenti mortali in itinere (cioè nel tragitto tra l’abitazione e il luogo di lavoro) ed i tre incidenti di questo infausto mese di settembre. Non siamo disposti a pagare questo prezzo alla ripresa economica post-pandemia. Serve uno sforzo collettivo di tutte le parti in gioco - concludono -: lavoratori, sindacati, imprenditori, istituzioni, organi di vigilanza e controllo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precipita da una scala, volo di 6 metri: muore sul colpo un uomo 68enne

LeccePrima è in caricamento