Esce per alcune faccende e scompare: 15enne ritrovata a Lecce

A Tricase ore di ansia per una famiglia di origine marocchina. Ieri la denuncia presso i carabinieri. Poi, la scoperta: la ragazzina aveva raggiunto il capoluogo in treno e stava vagando nelle vie vicine alla stazione ferroviaria

La stazione dei carabinieri di Tricase.

TRICASE – Uscita ieri mattina per sbrigare alcune faccende e ritrovata in serata a Lecce, in via Duca degli Abruzzi, non lontano dalla stazione ferroviaria. Sono stati momenti di forte ansia per una coppia di genitori di origine marocchina, residente da qualche tempo nel centro storico di Tricase, non lontano da piazza Don Tonino Bello. La figlia, 15enne, sembrava svanita nel nulla.

Nel luogo in cui si sarebbe dovuta recare, non più di 200 metri in linea d’aria rispetto all’abitazione, non era mai arrivata. E, di certo, non ha fatto nemmeno rientro a casa. Il suo percorso ha avuto una deviazione improvvisa e, almeno inizialmente, misteriosa. Salvo poi capire che aveva raggiunto lo scalo dei treni locale e, da qui, il capoluogo, inziando poi a vagare nelle zone vicine.

Tutto ha avuto inizio quando la famiglia ha iniziato a insospettirsi, non vedendola rientrare all’orario previsto. E un problema grosso risiedeva anche nel fatto che la ragazza non avesse con sé un telefono cellulare. Impossibile rintracciarla. Nel pomeriggio, così, i genitori si sono quindi recati presso la stazione dei carabinieri e hanno sporto denuncia. Avvisati tutti gli organi preposti, in primis la Prefettura, il tavolo tecnico è però saltato quando si è avuta notizia del ritrovamento. Diramate le ricerche, infatti, è stata notata dalla polizia a Lecce e subito fermata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ipotesi più attendibile era quella dell’allontanamento volontario e così, in effetti, è stato. I carabinieri avevano iniziato ad acquisire tutti i filmati delle videocamere della zona di Tricase dove s'era segnalato l'allontanamento, per cercare di capire quale percorso avesse intrapreso la ragazzina e se avesse con sé qualche borsa o uno zaino. In apparenza, in casa, non sembrava mancasse nulla. Poi, in serata, la notizia: rintracciata. Voleva forse affrontare un’avventura, conoscere nuovi posti, magari raggiungere amici nel capoluogo. Questi sono aspetti che affronterà con i suoi genitori. L'importante è che la storia sia a lieto fine.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • La collisione, la caduta e la barca che affonda. “Sentivo il risucchio dell’elica”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento