Trovati bossoli in un marsupio, poi spunta la pistola in un terreno

Arrestato venerdì dai carabinieri Andrea Cafiero, 28enne leccese, già noto. E’ accusato di detenzione abusiva di arma e ricettazione

TORRE CHIANCA - E’ finito in carcere per detenzione abusiva di arma e ricettazione Andrea Cafiero, 28enne leccese, ­­­­già noto alle forze dell’ordine (nella foto). In casa, a Torre Chianca, custodiva cinque cartucce, alcune calibro 38 special, altre 9, tre delle quali in un marsupio. CAFIERO ANDREA.-3

Ma la scoperta più importante, venerdì scorso, i carabinieri del nucleo investigativo l’hanno fatta in un terreno attiguo all’abitazione del ragazzo. Qui, i militari - che lo tenevano da giorni sotto osservazione - attraverso metal detector, hanno rinvenuto un revolver calibro 38 special marca Weihrauch con all’interno del tamburo due bossoli uguali a quelli rinvenuti tra le mura domestiche. Dai successivi accertamenti, è risultato che la pistola era stata rubata a Lecce nel 2012. Per questo, oltre che di detenzione abusiva di arma, Cafiero risponde anche del reato di ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “L’eredità”, Massimo Cannoletta tra bottino intascato e critiche sul web

  • Percepiva il reddito di cittadinanza, ma nascondeva in casa 625mila euro

  • Maltempo sul Salento: coperture divelte da una tromba d’aria volano in strada

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento