rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Cronaca

Trovati bossoli in un marsupio, poi spunta la pistola in un terreno

Arrestato venerdì dai carabinieri Andrea Cafiero, 28enne leccese, già noto. E’ accusato di detenzione abusiva di arma e ricettazione

TORRE CHIANCA - E’ finito in carcere per detenzione abusiva di arma e ricettazione Andrea Cafiero, 28enne leccese, ­­­­già noto alle forze dell’ordine (nella foto). In casa, a Torre Chianca, custodiva cinque cartucce, alcune calibro 38 special, altre 9, tre delle quali in un marsupio. CAFIERO ANDREA.-3

Ma la scoperta più importante, venerdì scorso, i carabinieri del nucleo investigativo l’hanno fatta in un terreno attiguo all’abitazione del ragazzo. Qui, i militari - che lo tenevano da giorni sotto osservazione - attraverso metal detector, hanno rinvenuto un revolver calibro 38 special marca Weihrauch con all’interno del tamburo due bossoli uguali a quelli rinvenuti tra le mura domestiche. Dai successivi accertamenti, è risultato che la pistola era stata rubata a Lecce nel 2012. Per questo, oltre che di detenzione abusiva di arma, Cafiero risponde anche del reato di ricettazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovati bossoli in un marsupio, poi spunta la pistola in un terreno

LeccePrima è in caricamento