Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Trovato con due pistole clandestine, 39enne condannato a quattro anni

Giudizio abbrevaito per Alessandro Sariconi, noto alle cronache perché implicato nella gambizzazione di Davide Vadacca

LECCE – Gli agenti di polizia lo controllavano da alcuni giorni. Il blitz scattò lo scorso 2 settembre: Alessandro Sariconi, 39enne leccese noto alle cronache perché implicato nella gambizzazione di Davide Vadacca, fu fermato e perquisito. Un’intuizione che si rivelò proficua. Nella sua camera da letto nascondeva, infatti, due pistole calibro 7,62 e 6,35: una Bernardelli e una Tokarev, entrambe caricate con tre colpi, uno dei quali in canna. Il 39enne fu arrestato e condotto presso la casa circondariale di Borgo San Nicola, dove si trova tutt’ora detenuto per un altro procedimento (per questo ha ottenuto i domiciliari).

Oggi Sariconi, assistito dall’avvocato Pantaleo Cannoletta, è stato giudicato con il rito abbreviato e condannato dal gup Michele Toriello a quattro anni (più 3mila euro di multa) per ricettazione e detenzione illegale di armi clandestine perfettamente funzionanti e pronte all’uso. Il pubblico ministero Emilio Arnesano ha chiesto una condanna a 3 anni e mezzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovato con due pistole clandestine, 39enne condannato a quattro anni

LeccePrima è in caricamento