menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trovato con pregiudicati durante controlli, torna in carcere Napoletano

Il 31enne di Squinzano, implicato fra l'altro nel processo “Vortice-Déja Vu”, arrestato dai carabinieri su ordine della Corte d’appello

LECCE – Torna in carcere Roberto Napoletano, 31enne di Squinzano, uno dei volti più noti nel panorama della malavita del nord Salento. A traportarlo a Borgo San Nicola, questa mattina, sono stati i carabinieri della stazione di Squinzano. L’ordinanza che sostituisce la misura dei domiciliari con il carcere è stata emessa dalla sezione unica della Corte d’appello di Lecce.

Il provvedimento è nato da diverse da segnalazioni dei militari per violazioni degli obblighi ai quali Napoletano era sottoposto. Grava su di lui, fra l’altro, il fatto che durante alcuni controlli in casa, sia stato trovato in compagnia di pregiudicati.

La “carriera” di Napoletano è ricca di episodi. Solo per citare quelli più vicini nel tempo, nel giugno del 2016, è stato condannato in primo grado a 16 anni di carcere nel processo nato dall’operazione “Vortice-Déja Vu”. Traffico internazionale di stupefacenti, estorsioni e usura fra le pene inflitte a vario titolo in un processo in cui sono coinvolti, oltre a lui, più di cinquanta altri soggetti e per il quale, nel maggio scorso, è iniziato l’appello presso l’aula bunker.  

napoletano roberto-4Di recente, è stato invece assolto dall’accusa di tentata estorsione aggravata nella controversa vicenda riguardante il locale Livello 11/8. Poco prima, alla fine di gennaio del 2016, scattò nei confronti di Roberto Napoletano un altro arresto per via di alcune liti con il fratello Angelo, con l’accusa di minaccia aggravata.

Non è stato arrestato, invece, ma il rischio in futuro potrebbe essere concreto, M.S., pluripregiudicato di Nardò, 37enne. L’uomo è stato denunciato a piede libero dopo indagini dei carabinieri della stazione di Otranto per inosservanza degli obblighi derivanti dalla sorveglianza speciale.

Il 31 ottobre scorso, durante un controllo dei carabinieri di Otranto, fu sorpreso a bordo di un’autovettura in compagnia di altre due persone. Entrambe avevano condanne penali per diversi reati. La misura di prevenzione alla quale il 37enne è sottoposto gli vieta la frequentazione con soggetti pregiudicati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento