Trovato in mare il cadavere di una donna durante le ricerche della 59enne scomparsa

Una motovedetta della guardia costiera ha scoperto il corpo al largo di Ugento. E' stato trasportato a riva e poi condotto presso la camera mortuaria dell'ospedale "Vito Fazzi", dov'è stata chiamata la famiglia di Giuseppina Ponzo per il riconoscimento. Della donna nessuna notizia dal 26 giugno

TORRE SAN GIOVANNI (Ugento) – Era circa l’una quando una motovedetta della guardia costiera di Gallipoli ha rinvenuto in mare il cadavere di una donna. Il corpo affiorava dall’acqua. Si trovava a circa 11 miglia dalla costa di Torre San Giovanni, marina di Ugento. Indosso aveva un costume da bagno. Età apparente, fra i 50 e i 60 anni. Inutile dire che il pensiero dei militari è andato subito a Giuseppina Ponzo, la 59enne scomparsa fin da venerdì 26 giugno. Le sue ricerche non si sono mai interrotte, per mare e per terra.

La povera salma è stata condotta a terra e poi trasportata presso la camera mortuaria dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. E l’ufficio locale marittimo di Torre San Giovanni, su disposizione della capitaneria di porto di Gallipoli, ha preso contatto nelle scorse ore con i parenti arrivati dalle Marche nel Salento già da tempo, ovvero subito dopo che s’è diffusa la notizia della sua scomparsa.

La donna, infatti, è originaria di Presicce, ma da tempo abita ad Ascoli Piceno, dove esercita la professione di avvocato. A marito, figlio e figlia, dunque, spetterà il difficile compito di eseguire quel riconoscimento che servirà a fugare ogni dubbio, per il quale occorre però un tempo tecnico e non si potrà procedere prima di domani.

Per il momento si può solo ipotizzare che si tratti di lei, e per vari motivi. E cioè, per la relativa vicinanza del punto del ritrovamento rispetto alla località in cui è stata vista l’ultima volta (Lido Marini), perché alcune caratteristiche sembrano rimandare alla persona ricercata, per via della compostezza del corpo che non lascia immaginare una morte lontana nel tempo e, ancora, per il motivo che non risultano di recente altre persone disperse in quel tratto di mare, nemmeno fra migranti dei frequenti sbarchi.   

Le ricerche della donna vanno avanti ormai da quattro giorni. Da trent'anni, l'estate, ritorna nel Salento, terra natia alla quale è da sempre legata, tanto da avere una villetta estiva per le vacanze a Lido Marini. E sebbene ieri sera si siano ufficialmente concluse le operazioni dei sommozzatori dei vigili del fuoco, la capitaneria di porto gallipolina ha comunque predisposto che andassero avanti quelle con le motovedette. Ed è stata proprio una di queste a ritrovare quel cadavere nella tarda mattinata.

La scomparsa di Giuseppina Ponzo si fa risalire a un orario imprecisato, a partire dall’una circa di venerdì scorso, quando è stata vista e sentita l’ultima volta. Si stava recando proprio verso il litorale di Lido Marini. La reale scoperta della sua assenza, però, risale alla sera di quel giorno, quando qualcuno ha notato una sedia a sdraio e una borsa sulla costa. Lì c’erano anche i suoi effetti personali, fra cui i pantaloncini blu e la maglietta rosa indossati per uscire.

L’autovettura era regolarmente parcheggiata nelle vicinanze. Il suo cane è stato ritrovato in casa. E tutti questi indizi hanno subito fatto temere, purtroppo, che potesse essere successa qualche sventura, per esempio una caduta accidentale nelle acque da un tratto di scogliera o un malore durante un bagno in mare.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I ricercatori non si sono risparmiati. Guardia costiera e finanzieri, carabinieri e protezione civile, e ancora vigili del fuoco con i loro nuclei specializzati di sommozzatori: un piccolo esercito di uomini dotati di elicotteri, vedette e auto hanno perlustrato il mare e la litoranea, spingendosi soprattutto verso sud, cioè seguendo le correnti di questi giorni. E oggi, al quarto giorno, questo ritrovamento che lascia tutti con il fiato sospeso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento