Cronaca

Modifica i dati e incassa assegno, denunciato per truffa e falso

Nei guai è finito un 21enne di Lecce, deferito alla Procura della Repubblica dai carabinieri. Nel dicembre del 2010 avrebbe modificato i dati di un assegno non trasferibile, guadagnandoci un migliaio di euro

 

LECCE – “Se potessi avere mille lire al mese”, cantava Gilberto Mazzi nel 1939. Al netto della svalutazione, D.C., 21enne leccese, pensava di averci guadagnato mille euro, in un mese, e senza dover faticare più di tanto. Semplicemente, apponendo la propria firma su un assegno bancario.

La vicenda è lontana nel tempo, giacché il prelievo è stato effettuato nel dicembre del 2010. Ma la denuncia, con le ipotesi di reato di truffa e falso, è stata fatta ieri, al termine di accertamenti svolti dai carabinieri della stazione di Lecce principale. Il giovane, residente nel capoluogo, è dunque stato deferito in stato di libertà alla Procura di Lecce.

Si tratta di un ragazzo disoccupato che, come anticipato, nel dicembre dello scorso anno, sarebbe venuto occasionalmente in possesso di un assegno bancario. Un titolo non trasferibile, per la precisione, di mille euro, tondi tondi, emesso dalla banca Intesa San Paolo.

Il 21enne, avrebbe semplicemente cancellato i dati del reale beneficiario, apponendo i propri e incassandolo il denaro contante presso una filiale banca Unicredit di Lecce. Un trucco banale, alla fine venuto alla luce. L’assegno è stato posto sotto sequestro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Modifica i dati e incassa assegno, denunciato per truffa e falso

LeccePrima è in caricamento