Truffa da oltre 200mila, condannato a 4 anni ex dipendente delle poste

Ha patteggiato una condanna a quattro anni di reclusione (più 1.600 euro di multa) Ezio Cuppone, 51enne leccese. L'uomo, un ex dipendente dell'ufficiale postale "Lecce4", avrebbe sottratto dai conti dei clienti oltre 200mila euro

 

LECCE – Ha patteggiato una condanna a quattro anni di reclusione (più mille e 600 euro di multa) Ezio Cuppone, 51enne leccese, accusato di peculato, truffa e falsità in scrittura privata. L'uomo, un ex dipendente dell'ufficio postale “Lecce4” (che si trova in via Girolamo Marcianò, nei pressi di piazzale Rudiae), avrebbe sottratto risparmi dai libretti e dai conti correnti di numerosi clienti per una cifra pari a oltre 200mila euro. La sentenza è stata emessa dal gup del Tribunale di Lecce Ines Casciaro, mentre il patteggiamento è stato concordato con il pubblico ministero Donatina Buffelli.

Diversi, secondo l’ipotesi accusatoria, i sistemi utilizzati dal 51enne per appropriarsi del denaro: “effettuando arbitrariamente operazioni finanziarie di disinvestimento e rimborso di somme, apponendo firme false sui moduli di rimborsi titoli e vendite e prelievi, predisponendo anche documenti contabili e titoli totalmente falsi, utilizzando indebitamente la loro carta postale e il loro codice Pin”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dare avvio alle indagini, nei mesi scorsi, era stata proprio la denuncia di una delle presunte vittime, dal cui conto erano stati sottratti circa 30 mila euro. Gli inquirenti, attraverso una serie di accertamenti e riscontri incrociati, hanno poi identificato l'impiegato, segnalando la sua posizione alla direzione delle Poste. Accertati gli illeciti, Cuppone è stato licenziato poco dopo dalle Poste. Un provvedimento cui non ha opposto ricorso, evitando così la misura cautelare. L'uomo ha già provveduto a restituire una buona parte dei soldi sottratti, circostanza che ha contribuito a far sì che la condanna fosse più lieve. Ezio Cuppone è assistito dall'avvocato Alessandro Troso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Emergenza coronavirus, registrati altri tre casi di positività in provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento