Truffe agli anziani, in un incontro trucchi e consigli per difendersi

Ieri sera ad Acquarica di Lecce, un incontro voluto dal sindaco di Vernole con dirigenti di questura e polizia locale

Antonio Palano ed Eliana Martella.

VERNOLE – Come aiutare gli anziani a difendersi dalle truffe? Molte “dritte” sono state fornite ieri sera, nel corso di un incontro organizzato ad Acquarica di Lecce dal sindaco del Comune di Vernole, Luca De Carlo, alla quale ha partecipato Eliana Martella, dirigente dell’Ufficio prevenzione generale della questura di Lecce, la quale ha illustrato alcuni casi concreti verificatisi nel territorio e fornito suggerimenti per prevenire i reati.

“La prevenzione - ha spiegato - è di fondamentale importanza, anche perché è raro arrivare ad identificare gli autori delle truffe. Spesso quando la vittima si accorge di essere stata oggetto di un raggiro è tardi per intervenire, e in molti casi non vi sono elementi utili all’individuazione degli autori del reato se non nomi falsi e descrizioni sommarie delle sembianze fisiche”.

“Ecco perché – ha aggiunto la funzionaria della questura - è fondamentale prendere delle precauzioni quali, sembrerà banale, non aprire agli estranei. Bisogna diffidare anche di carabinieri e poliziotti che non vengono a casa e, se hanno bisogno di informazioni, è più probabile che lascino nella posta un invito a presentarsi in ufficio. Quando si hanno dei dubbi su promotori finanziari – ha proseguito -, addetti del Comune, dell’Inps, dell’Enel, eccetera, sarebbe meglio evitare di aprire e rinviare la loro visita a quando si può stare in casa in compagnia di altre persone o accertare telefonicamente presso l’ente cui dichiarano di appartenere la genuinità della visita”.

Un altro dei consigli forniti, quello di non fornire telefonicamente informazioni personali a sedicenti impiegati di call center quali: “Sono anziano, abito da solo, mio figlio non c’è”.

Truffe recenti, particolarmente sofisticate, sono state portate a termine da persone che, spacciandosi per avvocati ed agenti assicurativi, prospettavano la commissione di gravi incidenti da parte dei figli delle vittime per chiedere denaro in cambio dell’interessamento alla soluzione della pratica. In questi casi, non bisogna farsi prendere dal panico e prender contatto quanto prima con i famigliari che si dice siano in difficoltà.

All’incontro ha partecipato anche Antonio Palano, comandante della polizia locale di Vernole, che ha ribadito la particolare disponibilità e sensibilità nei confronti di questo fenomeno da parte della polizia locale, che opera anche nei piccoli territori dove non sempre le altre forze dell’ordine riescono ad essere presenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il comandante ha sottolineato la gravità di questi reati che colpiscono le fasce più deboli e vulnerabili della popolazione, sottraendo a volte quei pochi averi che con molta fatica le persone anziane sono riuscite a mettere da parte, risparmi della pensione, denaro che per un senso di sicurezza, purtroppo sbagliando, conservano in casa, e gioielli di famiglia che hanno un valore affettivo ben superiore a quello economico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento