menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

I vicini non lo vedono da due giorni, anziano ritrovato morto dentro casa

Dramma della solitudine a Tuglie. Inutili i soccorsi, dopo la richiesta d'intervento. L'uomo, 80enne, spirato da almeno 24 ore

TUGLIE – Dramma della solitudine a pochi giorni da Natale, a Tuglie, dove un anziano è deceduto per cause naturali e il suo corpo è stato ritrovato solo nel pomeriggio di oggi, dopo che alcuni vicini si sono allarmati, non avendo sue notizie da almeno un paio di giorni, chiedendo i soccorsi. Ma, all’accesso in casa, per M.P., un pensionato di 80 anni del posto, non c’era praticamente nulla da fare.

L’anziano è stato trovato privo di vita questo pomeriggio nella sua abitazione di via Don Luigi Sturzo, una stradina nella zona centrale del paese. Come detto, sono state alcune persone del vicinato a nutrire i primi sospetti che potesse essere accaduto qualcosa, non avendo sue notizie e non riuscendo a mettersi in contatto con lui. Per entrare nell’abitazione è stato necessario l’intervento della polizia locale e dei vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli, che hanno aperto la porta dopo l'autorizzazione del magistrato, in modo che potessero accedervi gli operatori del 118. Ma è stato tutto vano. Il medico ha calcolato che l’uomo fosse spirato da almeno 24 ore.

Nessun segno d’effrazione sugli infissi, tantomeno altri elementi che possano far pensare a un’intrusione. Semplicemente, il cuore dell’80enne, trovato supino nel letto, ha smesso di battere e non deve aver avuto il tempo e il modo di chiedere soccorso, una volta accusato il malore.

Fra l'altro, al momento viveva da solo, ma assistito da una badante. Fino ad alcuni anni prima aveva condiviso l'appartamento con una sorella, che poi era venuta a mancare. Una seconda sorella risiede in un altro comune della provincia e non c'è stato tempo di attenderla, con le chiavi, per aprire la porta. Vigili del fuoco e polizia locale dovevano procedere con la massima celerità, non sapendo cosa avrebbero trovato in casa. La salma è stata restituita alla famiglia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento