Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Tuglie, rissa con i coltelli, tre feriti: uno è grave

Due gruppi nella serata di ieri si sono fronteggiati in una piazza di Tuglie. A generare la rissa probabili attenzioni ad una donna. Tre giovani di Parabita sono finiti in ospedale. Grave un 42enne

Le indagini sono condotte dal commissariato di Gallipoli (foto archivio LeccePrima)

Tre feriti, di cui uno ricoverato in gravi condizioni è il pesante bilancio di un grave episodio di violenza avvenuto nella serata di ieri, intorno alle 21, a Tuglie. A fronteggiarsi due gruppi di comitive, in piazzetta Matteotti, consueto ritrovo di ragazzi, a ridosso del centro cittadino. Secondo le prime informazioni, coordinate dagli agenti del commissariato di Gallipoli, si tratterebbe di una spedizione punitiva organizzata da una banda proveniente da Parabita per redimere incomprensioni sorte con un gruppo rivale per alcune attenzioni di troppo riservate ad una ragazza. Dapprima semplici insulti, sfottò. Poi gli opposti gruppi hanno incominciato a fronteggiarsi, con calci e pugni, fino a quando dalla tasca di un giovane non è spuntato un coltello.


Con diversi colpi ben assestati, l'ignoto accoltellatore ha inferto tre fendenti ad altrettanti rivali giunti da Parabita, riversi per terra. La mattanza si è conclusa dopo alcuni infuocati minuti. Sul selciato della piazzetta, sono rimasti i corpi di un 16enne, di un 36enne e di 42enne. Accompagnati all'ospedale di Gallipoli, condizioni di salute del più grande dei tre sono apparse piuttosto gravi. Uno dei due uomini è stato ricoverato nel reparto di chirurgia per una ferita all'addome, perforato per diversi centimetri. I medici in mattinata non avevano ancora deciso se sottoporlo ad un intervento chirurgico o trasferirlo presso il nosocomio di Lecce. Meno gravi le condizioni del 16enne e del 36enne, colpiti sempre all'addome, ma in maniera lieve. Se la caveranno in una decina di giorni. Già dalla notte il terzetto è finito sotto torchio, interrogato dagli agenti del commissariato di Gallipoli, diretti dal dirigente Pantaleo Nicolì. In mattinata ulteriore colloquio in ospedale, ma sia il 36enne che il 42enne avrebbero fornito scarni elemnti utili alle indagini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tuglie, rissa con i coltelli, tre feriti: uno è grave

LeccePrima è in caricamento