Ubriaca alla guida danneggia tre auto parcheggiate. Addio alla patente

Protagonista della vicenda una 26enne, poi identificata dagli agenti della polizia locale. Positiva all'alcol test con un tasso di 2,23 g/l

Immagine di repertorio.

LECCE – Prima, al volante di una Renault Modus, ha travolto e danneggiato un’auto in sosta su via Balsamo. Poi, proseguendo la sua corsa su viale Japigia, è giunta all’intersezione con via Gramsci, dove ha danneggiato altre due automobili regolarmente parcheggiate, terminando alle 23.15 il suo cammino demolitore.

Protagonista della folle notte cittadina una 26enne leccese, identificata dagli agenti della polizia locale intervenuti sul posto. La giovane donna è stata sottoposta a etilometro ed è risultata positiva con un tasso alcolemico di 2,23 g/l. Per la 26enne è scattato il ritiro della patente e la segnalazione alla Prefettura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta del caso più grave tra quelli previsti dal codice della strada (tasso superiore a 1.5 g/l), con un’ammenda da euro mille e 500 a 6mila (aumentata da un terzo alla metà poiché i fatti sono avvenuti tra le 22 e le 7 del mattino). E’ inoltre previsto l’arresto da sei mesi a un anno. Avendo provocato un incidente stradale, tutte le sanzioni sono raddoppiate ed è prevista la revoca della patente. Inoltre, il veicolo interessato è sottoposto a fermo amministrativo per 180 giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • In moto a folle velocità sfugge a tre volanti. “Ero andato a Otranto per un caffè”

Torna su
LeccePrima è in caricamento