menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri sul luogo del femminicidio, nel luglio scorso.

I carabinieri sul luogo del femminicidio, nel luglio scorso.

Uccise la moglie, dopo l'evasione si aggrava la misura per il 77enne

Il gip ha emesso un’ordinanza di esecuzione di aggravamento della misura cautelare in carcere per l'assassino di Teresa Russo

TREPUZZI – Si complica la posizione di Michele Spagnuolo, il 77enne maresciallo dell’Aeronautica in pensione, che nel luglio scorso, a Trepuzzi, uccise la moglie Teresa Russo con un coltello da cucina.

A causa dell’allontanamento dall’abitazione del fratello, a Talsano (popoloso quartiere di Taranto), dove stava scontando i domiciliari, questa mattina gli è stata notificata direttamente nel penitenziario, un’ordinanza di esecuzione di aggravamento della misura cautelare in carcere.

A emetterla, il Tribunale di Lecce e ad eseguirla i carabinieri di Trepuzzi.  L’aggravamento scaturisce proprio dall’evasione del 20 novembre scorso. Il giorno stesso, era stato comunque rintracciato e arrestato dai carabinieri. Non era molto lontano da casa.  

L’assassinio avvenne, come detto, la scorsa estate, e scosse molto la cittadinanza trepuzzina. La coppia era in procinto di divorziare. Spagnuolo, che non aveva accettato la situazione, decise di ucciderla colpendola alla gola. Poche ore dopo, fu rintracciato e arrestato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento