Fermato a Collepasso, dichiara nome finto: non poteva uscire da Ugento

Arrestato un 35enne che già nell'aprile scorso era finito nei guai per un tentativo di rapina Scorrano con alcuni suoi complici

Scorcio del centro di Ugento.

UGENTO – Fermato per un controllo a Collepasso, avendo l’obbligo di dimora a Ugento, avrebbe dichiarato false generalità. Marco Casciaro, 35enne, è così finito in arresto. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Lecce, dovendo rispondere del reato di false attestazioni o dichiarazioni a pubblico ufficiale sulla propria identità.

I militari stavano svolgendo un normale controllo stradale, quando si sono imbattuti in Casciaro, il quale, ben sapendo il rischio che correva, avrebbe reso un nome diverso. Un controllo approfondito ha fatto però emergere tutto. I precedenti del 35enne, peraltro, sono piuttosto freschi. Nell’aprile scorso era stato fermato, con un complice, perché ritenuto uno degli autori di un tentativo di rapina a Scorrano.

Un altro arresto, e sempre di un ugentino, è avvenuto, invece, dopo la revoca dei domiciliari, da sostituire con il carcere. Riguarda Salvatore Dell’Accantera, 52enne (in passato, anche un arresto per spaccio). Il provvedimento di revoca è nato in seguito alla comunicazione all’autorità giudiziaria, da parte dei carabinieri di Ugento, di più violazioni. Ovvero, evasione e inosservanza vari dei provvedimenti dell’autorità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento