Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Incidente aereo, indagini della Procura: al vaglio testimonianze e documenti

L'inchiesta aperta dal pubblico ministero Roberta Licci. Potrebbe essere determinante nella precisa ricostruzione dei fatti quanto visto dai pochi testimoni oculari. Al vaglio anche la documentazione sul collaudo. Sarà svolta l'autopsia sui resti di padre e figlio morti nella caduta dell'Eclipse

LECCE – Sono ancora molti gli aspetti da chiarire sulla tragedia che sabato sera ha spezzato una famiglia di Ugento. Giovanni Enzo Congedi e il figlio Alessandro, sono morti rispettivamente a 55 e 28 anni nello schianto al suolo del loro velivolo biposto modello Ecplise (nella foto in basso), durante quella che doveva essere una normale ricognizione a scopo ludico.

Un’attività cui entrambi erano assolutamente abituati, avendo ampia esperienza di volo (soprattutto il padre) ed essendo peraltro gestori della pista di volo di Gemini, frazione di Ugento, nei pressi della strada per Salve, a uso degli appassionati di velivoli ultraleggeri. 

Nemmeno la competenza acquisita negli anni ha impedito il delinearsi di una tragedia che proprio qui, appena un anno prima, era stata giusto sfiorata. Nell’aprile del 2013 precipitò un altro apparecchio, ma il pilota fu estratto dall’abitacolo vivo, per quanto ferito. Sabato, invece, non c’è stato nulla da fare per il sottufficiale dell’Esercito in congedo ed ex assessore nella Giunta Ozza, e per suo figlio. 

Per questo il pubblico ministero Roberta Licci ha aperto un fascicolo, con indagini condotte dai carabinieri della compagnia di Casarano, diretti dal capitano Aniello Mattera. Previste nelle prossime ore la nomina di un perito e l’autopsia sui resti carbonizzati dei due uomini. Bisogna fare luce sulle cause esatte che hanno provocato la perdita di quota e l’impatto dell’aereo fra terreno e albero di ulivo, non lontano dalla pista, una lingua di terra battuta.

Fondamentali, a tale proposito, potrebbero rivelarsi le testimonianze dei presenti. Non ce n’erano molti, a quell’ora, intorno alle 19,30, solo quattro o cique persone, il cui contributo potrebbe chiarire molto della dinamica. 

Eclipse-2Nei momenti a ridosso del drammatico schianto, si era sparsa la voce che l’aereo (forse pilotato nell’occasione dal giovane) avesse manifestato problemi fin dalle fasi di decollo.

Voci, queste, delle quali gli stessi carabinieri hanno avuto contezza, ma che stanno verificando oggi più che mai con l’estrema attenzione che occorre per un caso del genere. Lo schianto sarebbe avvenuto, infatti, nel corso di un disperato tentativo di riportare il velivolo sulla pista, tentando un atterraggio d’emergenza.  

Un altro aspetto su cui si concentreranno le indagini, riguarderà ovviamente il collaudo. Secondo un video postato sulla sua pagina Facebook da Enzo Congedi, l’Eclpise sarebbe stato messo alla prova proprio di recente, appena il 21 aprile scorso. I militari stanno comunque vagliando tutta la documentazione a disposizione. Di fatto, la Procura dovrà comprendere se alla base del terrificante incidente possano esservi delle precise responsabilità da attribuire a qualcuno.     

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente aereo, indagini della Procura: al vaglio testimonianze e documenti

LeccePrima è in caricamento