La corrente li trascina sui materassini a 1 chilometro, salvati due ragazzi

Paura per un 22enne e una 20enne, turisti svizzeri, sulla riviera ugentina. Le idromoto li hanno recuperati a Torre Mozza

Una delle idromoto del servizio di salvataggio (repertorio).

UGENTO – Le correnti sono subdole. Anche quando il mare sembra una tavola, basta poco perché un tranquillo bagno in acqua rischi di trasformarsi in un’impasse dalla quale è davvero molto difficile uscirne, se non con un aiuto esterno. Lo hanno scoperto oggi, a loro spese, due ragazzi svizzeri, in vacanza nel Salento. Lui 22enne, lei di due anni più giovane, nel pomeriggio si trovavano sul litorale ugentino. In una giornata rovente, con punte fino a 31-32 gradi, non hanno resistito alla tentazione di lanciarsi nel mare dalla spiaggia, entrambi con un materassino.

Ma quando ci si rilassa troppo facendosi cullare dal moto dell’acqua, si rischia di ritrovarsi, senza sapere come e perché, a distanze anche ragguardevoli dalla costa. Specie se il vento spinge da terra verso il largo. E così, a un certo punto, i due si sono accorti non solo di essere un po’ troppo lontani dalla riva, ma, quel che è peggio, di non riuscire in alcun modo a fare rientro. Hanno iniziato a sbracciarsi e dalla costa qualcuno si è accorto di come fossero in difficoltà.

È stata così chiamata la capitaneria di porto di Gallipoli che ha subito avvisato il servizio idromoto 118 mare della guardia costiera ausiliaria, di stanza a Torre San Giovanni. Due operatori si sono messi subito in sella e sono riusciti a individuare i malcapitati all’altezza di Torre Mozza. Erano stati trascinati al largo per circa 1 chilometro. Provati dall’esperienza, ma in buone condizioni, intorno alle 16,30 circa, il 22enne e la 20enne sono stati trasportati a riva, dopo essere stati assicurati sulle barelle, verso località Lido Marini, fra Ugento e Salve.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

Torna su
LeccePrima è in caricamento