Cronaca Ugento

Cocaina dietro i sassi di un muretto, ma i poliziotti appostati li intrappolano

Un ugentino e un tavianese arrestati nella tarda serata di ieri dagli agenti del commissariato di Taurisano nelle campagne intorno a Torre San Giovanni

UGENTO – La cocaina era nascosta dietro alcuni sassi. Matteo Congedi, 37enne di Ugento, e Luigi Stefani, 53enne di  Taviano, non sapevano però che i poliziotti del commissariato di Taurisano erano appostati proprio in attesa di una loro mossa falsa. E quando i due hanno estratto 30 grammi di cocaina da un barattolo, gli agenti sono spuntati fuori e li hanno bloccati.  

L’operazione antidroga è stata effettuata nella tarda serata di ieri nella marina di Torre San Giovanni, dove, secondo le indagini, i due avrebbero intrapreso una florida attività di spaccio. Entrambi già noti alle forze dell’ordine,  Congedi in particolare annovera anche precedenti specifici, pure relativamente recenti. L’ultimo arresto per spaccio, nel suo caso, risale al settembre del 2019.  

I poliziotti, dopo aver maturato negli ultimi giorni sospetti sul conto di entrambi, li hanno pedinati, fino a individuare in una zona di campagna il possibile nascondiglio per la droga. Così, è stato organizzato un appostamento, con il blitz scattato nel momento in cui i due hanno estratto dai sassi di un muretto a secco un barattolo di vetro contenente poco più di 30 grammi di cocaina, pronta per essere tagliata.

La perquisizione è continuata nelle abitazioni e, in casa di Congedi, i poliziotti hanno trovato un’altra dose di cocaina, materiale completo per il confezionamento della sostanza stupefacente e persino un candelotto esplosivo. Sotto sequestro è finito anche un sistema di videosorveglianza abusivo composto da quattro telecamere, installato sempre presso il suo domicilo. Su disposizione dal magistrato di turno, Roberta Licci, i due sono finiti in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cocaina dietro i sassi di un muretto, ma i poliziotti appostati li intrappolano

LeccePrima è in caricamento