Si addormenta in un campo fotovoltaico, lo ritrova di notte un vigilante

Un 63enne non aveva fatto rientro in una casa famiglia di cui è ospite. Una guardia giurata l'ha rinvenuto per caso, assopito

Foto di repertorio.

UGENTO – Di solito i vigilanti, quando cala il sole, durante le ronde ne pressi dei campi fotovoltaici che sono chiamati a sorvegliare in virtù di abbonamenti stuipulati con gli istituti dalle società proprietarie, s’imbattono nella sagoma di qualche malintenzionato incappucciato, armato di cesoie e altri attrezzi. Di casi simili pullulano le cronache. Questa volta, invece, a una guardia giurata dell’istituto Cosmopol, è toccato un ritrovamento davvero singolare.

Erano circa le 22 di sera, quando, in un campo di contrada Coloni, in una zona di aperta campagna fra Ugento e Melissano, mentre era di pattuglia, ha notato un uomo sdraiato per terra. Sembrava privo di sensi e il vigilante s’è subito avvicinato per capire cosa fosse accaduto. In quel momento, l’uomo, un 63enne, si è svegliato di soprassalto. Insomma, si era assopito fra arbusti e pannelli. Chiaramente, il vigilante ha subito avvisato i carabinieri.

I militari dipendenti dalla compagnia di Casarano sono arrivati sul posto e, in breve, si è ricostruita la vicenda. Il 63enne è ospite di una casa famiglia della zona. La sera, ovviamente, deve fare rientro, ma è probabile che si sia smarrito e che alla fine, vinto dalla stanchezza, abbia scelto quell’inusuale giaciglio per ritemprarsi. Fra l’altro, non era ancora stata sporta alcuna denuncia di scomparsa, ma probabilmente sarebbe stata fatta di lì a poco: l’uomo si era giusto allontanato al mattino. Tuttavia, non c'è stato bisogno: il destino ha voluto che il caso fosse risolto prima ancora che assumesse una dimensione pubblica e ufficiale. A tarda ora, scortato dai militari, il 63enne ha così fatto rientro nella struttura.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento