Un secolo di storia tra famiglia, guerra e lavoro. "Nonno Mino" compie 100 anni

Un secolo di vita, una lunga vicenda personale che si snoda come un romanzo, toccando alcuni degli avvenimenti che hanno segnato la nostra storia. Domani Domenico Nestola, per tutti nonno Mino, festeggerà i 100 anni. Nato a Copertino , ha trascorso gran parte della sua vita nei campi. Dopo aver combattuto in Grecia fu internato per due anni nei campi nazisti

COPERTINO – Un secolo di vita, una lunga vicenda personale che si snoda come un romanzo, toccando alcuni degli avvenimenti che hanno segnato la nostra storia. Domani Domenico Nestola, per tutti nonno Mino, festeggerà i 100 anni.

Nato a Copertino nel 1915 da una famiglia di contadini e padre di tre figli, ha trascorso gran parte della sua vita nei campi, in quella terra che ha sempre amato e cui ha dato tanto. Giovanissimo ha sposato Maria Domenica (scomparsa nel 2000), da cui ha avuto tre figli: Antonio, Ada e Giuseppe. Subito dopo la nascita del primogenito Antonio, in pieno secondo conflitto mondiale, fu costretto a  partire per il fronte Balcanico, nella guerra voluta dai nazisti e appoggiata dal regime fascista di Mussolini.

Tra le rughe del volto e lo scintillio degli occhi si leggono ancora oggi i segni di quella terribile esperienza, culminata con la prigionia. Nestola, infatti, fu internato per due anni in Germania nei campi nazisti. Lui, come tanti soldati italiani, fu costretto a lavorare e sopportare una fatica immensa. Uomini trattati come bestie e costretti a nutrirsi con un pugno di bucce di patate. Fu liberato dagli alleati nel maggio del 1945. Quattro anni fa nonno Mino è stato insignito della medaglia d’onore, giusto tributo al sacrificio compiuto per la Patria, sacrificando gli anni della gioventù.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo la fine della guerra e della prigionia Nestola è tornato a casa dalla sua famiglia, e ha visto nascere gli altri figli. Una vita la sua trascorsa tra famiglia e lavoro, forte nel fisico e nel temperamento. Da qualche settimana è anche diventato trisnonno: un traguardo raggiunto grazie alla nascita della piccola Francesca, la sua 32esima nipote. Una grande famiglia che domani si stringerà attorno a lui per festeggiarlo con l’affetto e il rispetto che merita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento