Lunedì, 25 Ottobre 2021
Cronaca Centro / Viale Michele de Pietro

Vandali svuotano estintori nello scantinato, passanti chiamano i pompieri

Una sorta di nebulosa formatasi accanto al Tribunale ha fatto temere che vi fosse un incendio. Sul posto è giunta anche la polizia

LECCE – E’ già la seconda volta di fila che accade. E se l’adagio vuole che lo scherzo sia bello quando duri poco, in questo caso si è superata di gran lunga la soglia di tolleranza già fin dalla prima volta. Diversi passanti preoccupati per la presenza di una sorta di nebulosa formatasi fra viale De Pietro e via Mario Stampacchia, proprio accanto al piazzale dove sorge il monumento di ferro che rappresenta i Dieci Comandamenti, poco prima dell’una hanno chiamato i vigili del fuoco.

L’impressione, infatti, era che vi fosse un incendio in corso all’interno del garage sottostante il palazzo adiacente al Tribunale, da cui è diviso da una stradina di servizio riservata alle forze di polizia. Si tratta di un ampio edificio dove vi sono uffici, bar e negozi.

Un mezzo dei vigili del fuoco è arrivato sul posto in pochi minuti e nello stesso momento è sopraggiunta anche una volante della questura. In breve si è capito quale fosse l’origine del problema. Qualche perditempo aveva avuto poco prima il colpo di genio di raggiungere gli scantinati e svuotare due estintori a polvere, per poi subito fuggire.

L’ingresso del garage, in via Stampacchia, proprio di fronte a Palazzo Parlangei, è ben chiuso da una cancellata, quindi si presume che i vandali si siano infilati da qualcuno dei portoni, magari lasciati aperti.

Qualche commerciante e professionista che ha l’attività in quel palazzo ha poi spiegato che già ieri si era verificato un fatto analogo. Un gesto stupido, anche se senza conseguenze particolari, ma che potrebbe condurre in guai penali gli autori, qualora fossero rintracciati, visto anche l’allarme che hanno provocato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandali svuotano estintori nello scantinato, passanti chiamano i pompieri

LeccePrima è in caricamento