"Vedo i fantasmi". E distrugge l'abitazione appiccando le fiamme

Un 37enne con problemi mentali fermato dai carabinieri. Ha completamente distrutto l'appartamento in cui vive nel pieno centro di Sogliano Cavour. Sul posto vigili del fuoco da Lecce e Maglie

Vigili del fuoco sul posto dell'incendio.

SOGLIANO CAVOUR – Ai carabinieri ha detto di vedere i fantasmi. Ha spiegato così il gesto spiazzante, inimmaginabile, distruttivo e pericoloso per sé e per il vicinato. Impaurito dall’apparizione di spettri, o forse, chissà, sotto loro malevolo suggerimento, con un accendino ha appiccato il fuoco al materasso. E dal materasso al resto dell’abitazione, non c’è voluto molto che le fiamme si propagassero.

Risultato: una casa del centro storico completamente distrutta all’interno. Un dramma della follia, una storia triste e terrificante, che s’è consumata nel cuore di Sogliano Cavour, paesino di poco più di 4mila anime nell’hinterland di Galatina, dove la vita scorre solitamente tranquilla e senza scossoni.

Lo scossone, questa sera, l’ha dato il gesto di C.R., 37enne. Noto alle forze dell’ordine e in cura al Cim e al Sert, istituti che da soli richiamano un vissuto evidentemente molto complesso, i carabinieri hanno dovuto fermarlo ai sensi dell’articolo 423 del codice penale. Cioè, per il reato d’incendio, che riguarda anche le proprietà personali. In questo caso, l’abitazione, in cui abitava, da solo, è intestata alla madre. E' stato condotto in caserma per l'arresto. E per ora, appunto, s'è giustificato con quelle visioni. Ovviamente, i militari vogliono vederci un po' più chiaro. 

Tutto s’è consumato intorno alle 19 nel cuore di Sogliano, in piazza Indipendenza, dove vi sono anche negozi e bar, eleganti abitazioni e corti antiche. Qui, dunque, in uno dei punti vitali del comune, all’improvviso da una palazzina al primo piano si è innalzata una voluta di fumo. Il 37enne è uscito incolume dall’appartamento (al di sotto vi è un’altra proprietà), al quale si accede da una porticina che volge in strada e oltre la quale vi è una scala. Dentro è andato tutto devastato dalla forza del rogo.

I vigili del fuoco del distaccamento di Maglie (competenti per zona) erano impegnati altrove, in quei momenti, quindi per prima è arrivata una squadra da Lecce. Poco dopo, comunque, anche i pompieri magliesi sono giunti a dar manforte. E hanno dovuto fare accesso con i respiratori. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’area è stata transennata, porte e finestre spalancate per far entrare aria, una volta che le fiamme sono state spente del tutto. Il danno è da quantificare, ma indubbiamente notevole e, per ora, quel piccolo appartamento (un ingresso, una stanza da letto, una cucina e un bagno) chiaramente non è agibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento