Furto di notte in masseria, sorpresi padre e figlio: vano tentativo di fuga

Nelle campagne di Veglie i carabinieri hanno fermato un 42enne e un 19enne. Hanno tentato di svignarsela con un'Audi. A richiedere soccorso il proprietario, che ha visto movimenti. Rischiava di perdere diversi attrezzi da lavoro

VEGLIE – Dalla zona di Copertino a quella di Veglie per mettere a segno un furto in un deposito. Shkelqim Sinani e il figlio Ramazan, di origine albanese, rispettivamente di 42 e 19 anni, sono stati arrestati nella notte dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Campi Salentina per furto aggravato.

I due sono stati sorpresi,  attorno alle 2 di notte circa, nei pressi della masseria Santa Venia, che si trova alla confluenza di varie strade poderali, in una zona di campagna a diversi chilometri dal centro abitato. E’ stato il proprietario della masseria a richiedere soccorso. Nonostante l’orario, ha udito rumori e subito dopo si è accorto di alcuni movimenti sospetti. Sul posto, oltre ai militari, sono arrivati anche le guardie giurate della Ggs vigilanza. Quando padre e figlio si sono visti braccati, hanno tentato la fuga a bordo della loro Audi A4. Ma ormai era troppo tardi.

Durante il sopralluogo, si è poi ricostruito quanto avvenuto. I due, dopo aver tagliato una catena che chiudeva la porta del deposito della masseria con una smerigliatrice flessibile, hanno rubato una motozappa e una motopompa. La refurtiva è stata recuperata e restituita alla masseria. Per i due, invece, è scattato l’arresto. Si trovano ai domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quello dei furti nelle campagne è un problema di cui si parla sempre troppo poco, anche se il fenomeno è piuttosto diffuso e rappresenta a volte un dramma per agricoltori e proprietari di tenute, costretti a fare i conti con la perdita di preziosi strumenti di lavori, se non con la distruzione, a volte, di merce e parti di raccolto.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Emergenza coronavirus, registrati altri tre casi di positività in provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento