Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Pugno in faccia al dipendente delle poste per rapinarlo, insorgono gli utenti

A Veglie arrestato un 24enne. L'impiegato stava maneggiando 5mila euro. Il malvivente si è scagliato, ma è stato subito bloccato dai presenti

L'ufficio postale di Veglie.

VEGLIE – Il suo curriculum vitae parla chiaro. Di rapine ne aveva già eseguite, ma senza riuscirci. Tanto da essere finito in manette più volte. Proprio come oggi, quando, nemmeno armato di una pistola o di un taglierino, ma forse semplicemente accecato dalla corposa mazzetta di soldi che a un certo punto ha visto sfogliare veloce fra le dita un impiegato dell’ufficio postale (stava conteggiando oltre 5mila euro, soldi da riporre in cassaforte), ha improvvisato il raid. O la va, o la spacca.

V.F., vegliese, 24 anni da poco compiuti, ha fatto di tutto per provare a strappare di mano all’impiegato quelle banconote. Dopo aver fatto il giro del bancone, rapido, tagliando la coda, gli ha anche rifilato in faccia uno di quei pugni che non si dimenticano. L’ha colpito in pieno volto, procurandogli una ferita a un occhio. Ma non è servito. La reazione è stata veemente. Anche alcuni utenti presenti nell’ufficio si sono fatti avanti. E così, il giovane non ha avuto più via d’uscita.        

Il fatto è accaduto nel primo pomeriggio, poco prima delle 15. V.F. aveva il suo volto ben noto alle cronache coperto da una mascherina anti-Covid. Disarmato, come detto, ha quindi provato l’incursione a sorpresa, ma il malcapitato, un dipendente dell’ufficio postale 62enne, non solo non s’è arreso dopo aver subito il gancio a sorpresa nell’occhio, ma è comunque riuscito ad assicurare il denaro nel forziere, impedendo al 24enne di impossessarsi del bottino, fosse anche una singola banconota.

E poi, non era solo. Nell’ufficio è nata una vera e propria rivolta. Tanto che il giovane è stato placcato da almeno quattro altre persone, non riuscendo così a varcare la soglia e fuggire. Intanto, il direttore della filiale aveva già chiamato i carabinieri che, dalla stazione locale, sono arrivati in pochi istanti. Subito dopo, anche i colleghi della sezione radiomobile di Campi Salentina.

I militari, a quel punto, si sono ritrovati un rapinatore già bell’impacchettato, se così si può dire, da trascinare in caserma. Nel frattempo, sono state acquisiti filmati e testimonianze. Sentito il magistrato di turno, il giovane, che ha già nutrite pagine di precedenti, è stato dichiarato in arresto e condotto in carcere. Mentre lo stoico impiegato è stato visitato al pronto soccorso per la ferita subita nell’improvvisato assalto. Un pomeriggio da dimenticare, certo, ma una storia anche da segnalare proprio per la solidarietà e l'appoggio ricevuti, sfidando la paura.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pugno in faccia al dipendente delle poste per rapinarlo, insorgono gli utenti

LeccePrima è in caricamento