Cronaca Monteroni di Lecce

Velodromo degli ulivi, forse ad una svolta

Provincia di Lecce e Comune di Monteroni attendono la relazione sul progetto definitivo a firma dell'architetto Franco Vollaro, responsabile "Consulenze e qualità impiantistica" del Coni

Uno scorcio del Velodromo degli ulivi di Monteroni

L'infinta storia sulle sorti legate alla ristrutturazione del Velodromo degli ulivi di Monteroni attendono ora la relazione a firma dell'architetto Franco Vollaro, responsabile "Consulenze e qualità impiantistica" del Coni e della Federazione nazione di ciclismo. L'esperto del settore sta lavorando su due ipotesi di progetto: spostare l'attuale tribuna centrale esattamente dalla parte opposta dell'impianto lasciando inalterata la lunghezza della pista, oppure demolire tutto, rifare ex novo la struttura sportiva con la variazione del percorso originario che da 333 metri passa ad una pista lunga 250 metri. La nuova metratura, infatti, migliorerebbe le prestazioni degli atleti ed equiparerebbe il velodromo salentino a quelli di ultima generazione.

Prima di giungere vicino a quelle che sembrano essere le ultime tappe prima della rinascita dello storico impianto, inutilizzato ormai tra circa 30 anni, si sono tenute una serie di riunioni tra l'amministrazione comunale di Monteroni, Provincia di Lecce e i presidenti regionale e provinciale della Federazione ciclistica italiana. Per garantire l'avvio ai lavori l'Ente provinciale e il Comune di Monteroni, partner in questa avventura, investiranno un milione e 750mila euro (l'ultimo contributo della Provincia è stato di 500mila euro). L'affidamento dei lavori e il controllo su questi toccherà sempre alla Provincia.


In Evidenza

Potrebbe interessarti

Velodromo degli ulivi, forse ad una svolta

LeccePrima è in caricamento