menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo in cui è avvenuto il soccorso.

Il luogo in cui è avvenuto il soccorso.

Malore, anziano si accascia: militare lo salva con massaggio cardiaco

A Vernole tempestivo intervento di un carabiniere fuori servizio che ha visto l'anziano scendere della bicicletta e poi perdere conoscenza. Gli praticato manovre di rianimazione, permettendo al cuore di tornare a pulsare. L'uomo, 81enne, è stato poi stabilizzato dal 118 e trasportato in ospedale a Lecce

VERNOLE – Il primo intervento, quello che ha permesso al cuore di riprendere a pulsare, è stato di un carabiniere. Poi, gli operatori del 118 l’hanno stabilizzato, usando anche un defibrillatore, per trasportare il malcapitato in ospedale, ancora in vita, sebbene costretto a un successivo intervento chirurgico. E forse, senza quelle tempestive manovre di rianimazione, un anziano di 81 anni di Vernole sarebbe morto in pochi istanti.

Il fatto è avvenuto ieri mattina, intorno alle 11, su via Repubblica. L’anziano si trovava in sella a una bicicletta, quando, all’improvviso, è stato colto da un malore. Talmente forte, la fitta che deve aver avvertito, da fermarsi, scendere dal sellino, per poi accasciarsi al suolo un istante dopo, all’altezza dell’istituto scolastico comprensivo per l’infanzia “Armando Diaz”.

Tutta la scena è stata vista da un carabiniere. Il militare, che opera presso la Sezione radiomobile della compagnia di Campi Salentina, era libero dal servizio e si trovava alla guida della sua autovettura, proprio alle spalle dell’anziano. Così, non ci ha pensato un attimo. Si è accostato, è sceso ed è andato dritto, di corsa, verso l’anziano, per capire quali fossero le sue condizioni.

La situazione è apparsa subito drammatica. Quell’uomo era privo di coscienza e non dava alcun segno di vita. Il carabiniere deve aver valutato in un istante che non si potesse attendere l’arrivo di un’ambulanza, così, mentre intorno si accalcavano altre persone, ha deciso, intanto, di provare a rianimarlo con un massaggio cardiaco. Manovre che sono continuate per una decina di minuti, fin quando il cuore dell’anziano ha ripreso a battere e l’uomo, fra lo stupore di tutti, ha anche ripreso. Nel frattempo, avvisati da un altro militare presente sul posto, erano arrivati anche gli operatori del 118 dell’associazione “Rambo” di Calimera con la postazione di Martano e l’automedica dall’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce.

I sanitari hanno stabilizzato l’81enne, trasportando poi il paziente presso il nosocomio del capoluogo, per il ricovero e un intervento chirurgico. E non sono mancati i complimenti anche da alcuni operatori sanitari, al carabiniere, per quell’intervento rapido e salvifico, che potrebbe aver scongiurato una tragedia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento