Cronaca

Cesine: malore durante una battuta di pesca, muore uomo di 80 anni

Brizio Maggiore, di Calimera, si era recato in località Strada Bianca, sulla litoranea di Vernole, con fucile e segnale da sub. Alcuni presenti si sono accorti della tragedia dalla spiaggia

Foto di repertorio.

VERNOLE – Nonostante l’età, era ancora molto attivo. Ed è morto praticando il suo hobby, la pesca subacquea. Spesso si recava, anche da solo, verso la litoranea, con fucile e segnale da sub. Purtroppo, nella tarda mattinata di oggi, poco dopo mezzogiorno, il cuore ha smesso di battere proprio durante un battuta.

Ad accorgersi che quell’uomo, Brizio Maggiore, 80enne di Calimera, era stato colto da un malore, sono stati altri frequentatori della spiaggia dove è avvenuta la tragedia, nella zona conosciuta come Strada Bianca, a ridosso dell’oasi naturale delle Cesine, lungo la strada che collega San Cataldo alle marine di Melendugno.

Dalla spiaggia, alcuni presenti hanno visto proprio nei pressi del segnale, il corpo semi affiorante dell’uomo, con la testa riversa. E così, si sono tuffati per soccorrerlo. Condottolo  a riva e chiamato il 118, nel frattempo si è tentata una rianimazione con massaggio cardiaco. Ma ormai non c’era più nulla da fare e gli stessi operatori arrivati in ambulanza poco dopo non hanno potuto fare altro, dopo ulteriori tentativi, che constatare il decesso di Maggiore.

Sul posto, per i rilievi, si sono recati anche i militari della guardia costiera di San Cataldo, diretti dal maresciallo Simone Gatto. Avvisato il pm di turno, la salma dello sfortunato sportivo è stata riconsegnata alla famiglia. Non si è ritenuto necessario procedere con un’autopsia. Maggiore lascia la moglie e due figlie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cesine: malore durante una battuta di pesca, muore uomo di 80 anni

LeccePrima è in caricamento