Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Rapine quotidiane, un vertice in prefettura per arginare l’escalation

In tarda mattinata si è riunito in prefettura il Comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico. Presenti anche i rappresentanti di categoria di petrolieri, gestori e tabacchini: sono loro gli obiettivi più colpiti

Uno scatto che ritrae, sulla sinistra, il prefetto di Lecce, Giuliana Perrotta.

 

LECCE – Il vertice monotematico sulla sicurezza, dedicato ai furti e alle rapine, è iniziato poco dopo le 11.30. Poco prima, nei locali della questura, si era conclusa una conferenza stampa proprio sull'arresto di due rapinatori seriali di filiali bancarie.

Alla convocazione del prefetto, Giuliana Perrotta, hanno risposto, come di consueto, i vertici delle forze dell’ordine e le associazioni di categoria. Presenti anche i diretti interessati, i rappresentati dei distributori di carburante e dei tabacchini. Sono infatti le stazioni di servizio e le rivendite di sigarette e del lotto gli obiettivi preferiti dai rapinatori.

I dati, snocciolati, più volte, confermano l’escalation dei colpi e l’angoscia tra i potenziali obiettivi è palpabile. Spesso il bottino non è eclatante, ma le situazioni di pericolo e di grave incolumità sono reali e l’esasperazione cresce: la sensazione è che siano sempre più frequenti le rapine messe a segno da parvenue, in cerca di liquidità facile. Il Comitato per la sicurezza, che si riunisce periodicamente, ha il compito di definire le strategie di intervento per la prevenzione e il contrasto. 

Pagamento con bancomat e carta di credito, ma anche una linea telefonica dedicata che consentirà di comunicare in tempo reale il verificarsi di una rapina: questi punti qualificanti di un elenco di risposte rapide stilato al tavolo, oltre all'intensificazione dei controlli.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapine quotidiane, un vertice in prefettura per arginare l’escalation

LeccePrima è in caricamento