Viaggi all’estero per minori di 14 anni: in vigore la nuova procedura

Da alcuni giorni sono in vigore le nuove norme per la "dichiarazione di accompagnamento". Il nuovo modulo, disponibile sul sito della polizia di Stato nel link dedicato ai Passaporti, prevede una dichiarazione cartacea oppure l'iscrizione del nominativo dell'accompagnatore direttamente sul passaporto del minore, in aggiunta a quello dei genitori

LECCE – La stagione estiva e le vacanze sono ormai alle porte e anche tra i più giovani ci si organizza per un viaggio all’estero. Dal 4 giugno 2014, però, sono entrate in vigore alcune novità in relazione alla dichiarazione di accompagnamento per i minori di anni 14, in viaggio fuori dai confini nazionali con persona diversa dal genitore o da chi esercita la responsabilità tutoria.

I genitori (o chi esercita la responsabilità tutoria) di minori di età inferiore a 14 anni che viaggino accompagnati da una persona fisica o ad un ente o ad una società di trasporto (come una compagnia aerea o di navigazione) devono presentare in questura la dichiarazione di accompagnamento dove sarà riportato il nome della persona o dell'ente cui il minore è affidato, con almeno 10 giorni di anticipo.

Il nuovo modulo, disponibile sul sito della polizia di Stato nel link dedicato ai Passaporti, prevede una dichiarazione cartacea oppure l’iscrizione del nominativo dell’accompagnatore direttamente sul passaporto  del  minore, in aggiunta a quello dei genitori.

Nel primo  caso, la  Questura   provvederà   a  rilasciare  l’attestazione  della dichiarazione,   che l’accompagnatore   presenterà   in   frontiera  insieme  al passaporto  del  minore in corso di validità, oppure, nel secondo caso, a stampare sul  passaporto  del  minore  il nominativo dell’accompagnatore.  La scelta tra  le  due possibilità è dei richiedenti e dovrà essere riportata nell’apposito modulo.

Nel caso in cui il minore di anni 14 sia affidato ad un ente o ad una compagnia di trasporto,  è  rilasciata unicamente l’attestazione. A tal proposito, si ricorda che, prima acquistare il biglietto della compagnia di trasporto, è necessario verificare che la stessa accetti di prendere in carico il minore di 14 anni. Insieme al modulo compilato, occorre presentare in questura una fotocopia dei documenti dell’accompagnatore, dei genitori e del minore.

Il termine massimo di validità della dichiarazione - entro cui devono essere ricomprese la data di partenza e la data di rientro, è di 6 mesi, salva la possibilità per la Questura competente di accordare un periodo più ampio in caso di motivata richiesta (es. affidamento del minore a istituto di cura o di formazione). La validità della dichiarazione non può comunque oltrepassare la data di scadenza del passaporto del minore.

Si ricorda, infine, che la dichiarazione va presentata esclusivamente agli uffici preposti al rilascio del passaporto (questure e commissariati). Gli uffici di polizia di Frontiera non sono autorizzati al rilascio  della   dichiarazione di accompagnamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica scoperta: trovato morto in casa, la moglie era costretta a letto per una malattia

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

  • In moto da cross si scontra su un'auto, un 14enne in codice rosso

  • Vino adulterato: dopo i sigilli in estate, maxi sequestro probatorio

  • Violento scontro fra auto: un uomo d’urgenza in ospedale con un trauma alla schiena

Torna su
LeccePrima è in caricamento