Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Vietato passare sulla battigia? Chiama il numero verde

L'assessore regionale al Demanio Minervini ha firmato un'ordinanza balneare che disciplina l'uso delle spiagge in Puglia. Siglata l'intesa col Wwf per denunciare abusi ambientali sulle coste

L'assessore al Demanio, Guglielmo Minervini, ha presentato oggi alcune novità per il settore balneare. Infatti è stata firmata stamattina l'ordinanza balneare 2007, documento che disciplina l'uso delle spiagge in Puglia, inoltre è stata confermata l'intesa con il Wwf per la gestione del numero verde "800.085.898" per le segnalazioni sugli abusi ambientali sulle coste ed è stata puntualizzata la norma di legge regionale che disciplina il mantenimento delle strutture precarie degli stabilimenti balneari sulle aree in concessione anche durante il periodo invernale.

Per Minervini "la cronaca ha caricato di particolare importanza quello che è in realtà un appuntamento annuale per l'ordinanza demaniale. In più quest'anno c'è stata la questione del Consiglio dei ministri con il quale forse c'è stato un fraintendimento sull'uso delle coste d'inverno". "L'ordinanza - secondo l'assessore al Demanio - è un atto esecutivo della legge sulla tutela delle coste, approvata l'anno scorso. Attraverso la legge si sono posti agli stabilimenti non solo vincoli e norme, ma è passato un nuovo rapporto tra cittadini-imprenditiori e Regione, non basato sul conflitto ma sulla necessita di tutelare il bene-costa pubblica e la bellezza dei nostri luoghi turistici. E' definitivamente tramontata l'idea di una privatizzazione del bene pubblico demaniale e la conseguente cementificazione, per recuperare il bene-paesaggio. Per questo il percorso sarà lungo e abbiamo deciso di porre una moratoria per le nuove concessioni demaniali. E' più difficile ancora il governo del preesistente, con concessioni che a volte risalgono a decenni fa. Così le aziende turistiche avranno due anni per mettersi in regola e trovare nuove forme di progetto di impresa".

"Tuttavia, con l'ordinanza 2007 - aggiunge - ci saranno atti che dovranno essere attivati entro il 15 luglio: tutte le recinzioni fisse non coperte da specifiche autorizzazioni dovranno essere abbattute e sostituite da staccionate leggere alte non più di 1,2 metri, garantendo il libero transito sulla battigia. Il libero transito sarà garantito dalla norma regionale interpretata come esecutiva della legge finanziaria nazionale, che impone il libero accesso alla battigia anche attraverso gli stabilimenti".

Così l'assessorato ha predisposto anche la segnaletica da affiggere su spiagge e ingressi a cura di concessionari e comuni. Sulla norma che consente di lasciare sulle spiagge le strutture precarie anche d'inverno, contestata dal Governo, Minervini ha spiegato che la norma vale "solo per le imprese che abbiano già tutte le concessioni e autorizzazioni in ordine, non costituendo la legge nuovi diritti in deroga alle regola e vincoli paesaggistici, mai pensando di debordare dalle competenze statali" Minervini ha anche annunciato che domani la Giunta approverà il proseguimento della campagna del numero verde del Wwf 800 085898 per segnalare le difficoltà e gli "scempi" ambientali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vietato passare sulla battigia? Chiama il numero verde

LeccePrima è in caricamento