Violentata all’uscita di un locale, 19enne condannato a due anni e mezzo

Emessa oggi la sentenza nel processo abbreviato che vedeva imputato Roberto Panese, il 19enne di Specchia accusato di aver stuprato una donna per strada, il 26 luglio scorso

SPECCHIA - Dopo aver rifiutato le sue avance, si sarebbe ritrovata per terra, poi immobilizzata contro un muro, per poi essere stuprata. E’ questo l’episodio che vedeva imputato Roberto Panese, 19enne di Specchia, e che oggi si è concluso con la sua condanna a 2 anni e mezzo di reclusione (col beneficio della pena sospesa) per i reati di violenza sessuale e lesioni personali (in linea alla richiesta invocata dal pm Maria Rosaria Micucci).

La sentenza è stata emessa dal giudice Sergio Tosi, al termine del processo discusso col rito abbreviato, nel quale l’imputato (assistito dagli avvocati Luigi Corvaglia e Francesco Spagnolo) ha cercato di dimostrare che il rapporto fu consenziente. Certo non lo fu per la vittima, una 43enne, che stando al capo d’imputazione, il ragazzo aveva notato in un locale e poi fermato per strada a Specchia. Qui, il 26 luglio scorso, con la complicità del buio della notte, avrebbe tentato di abbracciarla e baciarla, per poi scaraventarla a terra, e abusare di lei.  

Con la sentenza, il giudice ha inoltre disposto la revoca dei domiciliari ai quali Panese si trovava dal 13 settembre (su provvedimento del Tribunale del Riesame), e l’interdizione da qualsiasi ufficio attinente alla tutela, alla curatela e all’amministrazione di sostegno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna, già risarcita, non si era costituita parte civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento