Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Padre-padrone, abusi su figliastra: il pm chiede rinvio a giudizio

Il pubblico ministero Stefania Mininni ha richiesto il rinvio a giudizio del 58enne di Carmiano, funzionario pubblico, arrestato nel dicembre del 2010 per una serie di presunte, orrende violenze fra le pareti domestiche

Tribunale di Lecce.

 

CARMIANO – Il pubblico ministero Stefania Mininni ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio nei confronti del 58enne di Carmiano, funzionario pubblico, arrestato nel dicembre del 2010 per una serie di presunti abusi di varia natura ai danni della figlia della sua convivente e persino dei suoi due figli, tutti minorenni all’epoca dei fatti. L’uomo, dopo le indagini dei carabinieri, fu posto agli arresti domiciliari. L’udienza, in cui si deciderà se andrà a processo, è fissata per il prossimo 16 dicembre davanti al gup del Tribunale di Lecce Giovanni Gallo.  

E’ una storia particolarmente fosca, quella che arriva dal comune del nord Salento. Il 58enne, in cinque anni, dal 2005 al 2010, avrebbe abusato sessualmente in particolare della figlia della convivente, in un periodo in cui non aveva ancora raggiunto la maggiore età, palpeggiandola nelle parti intime, baciandola, persino braccandola dalle spalle, mimando rapporti sessuali. Fatti che si sarebbero ripetuti in più occasioni.

Ma c’è di più: il 58enne si sarebbe anche masturbato di fronte ai ragazzini. Nei confronti di tutti, inoltre, compresa la convivente, l’uomo avrebbe anche manifestato un carattere dispotico. Le umiliazioni sarebbero state continue: la famiglia sarebbe rimasta spesso senza mezzi di sussistenza, gli alimenti somministrati in maniera a dir poco esasperata, e in più si sarebbe arrivati anche a veri e propri maltrattamenti fisici, usando una cintura e mettendo, in particolare, le mani intorno al collo del bambino.

A immortalare alcune delle condotte dell’uomo ci sarebbero tre filmati con un telefono cellulare. In uno si vedrebbe l’uomo mentre si avvicina seminudo alla figlia della convivente, negli altri il 58enne compirebbe atti osceni. La madre e la ragazza sono assistite dall’avvocato Cristiano Solinas, l’imputato dagli avvocati Massimo Bellini e Angelo Pallara.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Padre-padrone, abusi su figliastra: il pm chiede rinvio a giudizio

LeccePrima è in caricamento