rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Cronaca Gallipoli

Violenza sessuale su due pazienti, la Cassazione conferma la condanna per un ginecologo

Il professionista, originario di Gallipoli, esercitava a Brindisi: era accusato di abusi durante le visite. E' stato disposto, inoltre, il risarcimento danni in favore delle due parti civili. Nel 2022 la condanna in primo grado con rito abbreviato

BRINDISI/GALLIPOLI - I giudici della terza sezione penale della Corte di Cassazione hanno messo fine alla vicenda del ginecologo con studio a Brindisi accusato di aver abusato di due pazienti.

Ieri (mercoledì 8 maggio 2024) a Roma, i giudici hanno rigettato il ricorso dell'imputato, confermando la sentenza di condanna in appello, a Lecce. Il 65enne Salvatore Oscar La Penna è originario di Gallipoli, ma per anni ha esercito in uno studio privato a Brindisi. E' stato riconosciuto colpevole del reato contestatogli. La Cassazione ha confermato la pena inflitta in secondo grado: quattro anni, un mese e dieci giorni. E' stato disposto, inoltre, il risarcimento danni in favore delle due parti civili, assistite dagli avvocati Raffaele Lomartire e Paoloantonio D'Amico.

Il professionista doveva rispondere di due episodi che risalgono al dicembre 2019 e al febbraio 2020. Durante due distinte visite ginecologiche, nella ricostruzione emersa dalle indagini e confermata ieri dal verdetto della cassazione, il medico ha abusato sessualmente di due ignare pazienti, entrambe giovani donne. Le ha ricevute nel suo ambulatorio e poi il suo comportamento è cambiato sensibilmente. Il 18 gennaio 2022 si era chiuso il primo grado davanti al tribunale di Brindisi. Il giudice Vittorio Testi aveva condannato il dottore La Penna a una pena pari a quattro anni e due mesi di reclusione.

Il professionista aveva optato per il rito abbreviato. Era stata disposta inoltre l'interdizione dai pubblici uffici per la durata di cinque anni, l'interdizione in perpetuo da ogni ufficio attinente alla tutela, alla curatela e all'amministrazione di sostegno e, infine, la sospensione per sei mesi dall'esercizio della professione medica. Poi, la corte d'appello di Lecce aveva ridotto la pena, condannando il professionista a quattro anni, un mese e dieci giorni. La Cassazione ha confermato tale condanna.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza sessuale su due pazienti, la Cassazione conferma la condanna per un ginecologo

LeccePrima è in caricamento