Cronaca

Violenza sessuale e stalking nei confronti del'ex amante, a giudizio 54enne

Si aprirà il prossimo 7 novembre il processo nei confronti di un uomo di 54anni accusato di violenza sessuale, sequestro e stalking nei confronti della sua ex amante. La donna, che per mesi avrebbe subito le molestie e gli atteggiamenti persecutori dell'imputato, si è costituita parte civile

LECCE – Le relazioni pericolose. Si è trasformata in un incubo e in un processo penale la relazione extra coniugale tra un uomo di Cursi di 54 anni e una donna di Maglie. I due, un tempo colleghi, avrebbero iniziato una relazione clandestina poi interrotta dalla donna. Il 54enne, però, non si sarebbe rassegnato alla fine della storia e avrebbe costretto la donna a subire molestie e violenza sessuale. L’episodio sarebbe avvenuto all’interno di un casolare. Luogo dove il 54enne avrebbe condotto la vittima una seconda volta, dopo essersi introdotto nella sua auto, costringendola a dirigersi verso il luogo isolato. Lì sarebbe avvenuto un secondo episodio di violenza sessuale.

Per la donna, che ha poi trovato la forza di denunciare il suo persecutore, l’incubo è durato diversi mesi, tra pedinamenti, telefonate e continui tentativi di approcci. Fino alla denuncia che ha messo fine alle attenzioni morbose dell’uomo. L’inchiesta coordinata dal sostituto procuratore Roberta Licci, ha portato al rinvio al giudizio del 54enne, disposto dal gup Alcide Maritati. Il processo si aprirà il prossimo 7 novembre dinanzi ai giudici della seconda sezione penale. La donna, assistita dall’avvocato Arcangelo Corvaglia, si è costituita parte civile. Il legale ha avanzato una richiesta di risarcimento danni di 250mila euro.

L’imputato, accusato di violenza sessuale, sequestro di persona e stalking, è assistito dall’avvocato Dimitry Conte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza sessuale e stalking nei confronti del'ex amante, a giudizio 54enne

LeccePrima è in caricamento