rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca

“Città ostaggio della peggiore movida tra rumore e sporcizia”: insorgono i residenti del centro

Nei giorni scorsi alcuni volantini, nelle ultime ore veri e propri manifesti: sollecitano l'amministrazione comunale a prendere provvedimenti per evitare che il cuore della città si avvi a una "desertificazione"

LECCE – Si riaccende la polemica. Dopo il botta e risposta tra maggioranza e opposizione di un mese addietro, si torna a parlare de centro storico. Da un paio di settimane sono spuntati dei volantini nel centro storico. Nelle scorse ore anche dei manifesti sono stati affissi sui muri e sulle plance da parte del Comitato per la tutela del centro storico di Lecce. I primi e i secondi contengonoPHOTO-2022-06-27-13-24-03-3 un unico avvertimento: gli abitanti non ne possono più. Si dicono esasperati.

“È diventato un quartiere invivibile dove regnano sporcizia, rumore e degrado. La città è ostaggio della peggior movida, degli “affitti brevi”, del turismo “mordi e fuggi”, si legge nel testo di uno dei manifesti intitolato: “No alla condanna a morte del centro storico”.  Non solo i turisti al centro del malcontento. Vengono anche accusate le limitazioni imposte dalla Ztl, la Zona a traffico limitato che, a detta degli autori del manifesto, avrebbero provocato la chiusura di alcuni esercizi commerciali, di studi professionali e l’abbandono delle abitazioni da parte degli stessi residenti.

Nel sollevare anche il problema della difficoltà di transito dei mezzi di soccorso e quello della pubblica sicurezza, i residenti si rivolgono al sindaco Carlo Salvemini e all’assessore comunale Marco De Matteis per sollevare loro le questioni di “invivibilità”, mettendo in guardia l’amministrazione dal futuro, possibile rischio di “desertificazione” del cuore della città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Città ostaggio della peggiore movida tra rumore e sporcizia”: insorgono i residenti del centro

LeccePrima è in caricamento