menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Massa di San Giuseppe, ricetta tradizionale del Salento

Piatto dalle origini antichissime che viene preparato in genere per allestire i banchetti tradizionali in onore del santo, insieme alle golose zeppole ed altre prelibatezze

Si tratta di una versione un po’ più elaborata dei classici “ciceri e tria” (pasta e ceci) formata da pasta fresca condita con ceci, cavolo nero, olio e cipolla, che può subire magari qualche leggera variante spostandosi tra i vari comuni della penisola salentina, la cui preparazione è sostanzialmente questa.

La ricetta della Massa Salentina

Ingredienti:

  • 400 grammi di farina di grano duro
  • 400 grammi di cavolo nero
  • 400 gr di ceci
  • un cipollotto
  • olio, pepe, sale

Procedimento

I ceci vanno messi in ammollo la sera precedente e successivamente lessati. Il cavolo nero viene scottato e tagliato in pezzi piccoli, mentre nel frattempo bisogna preparare la pasta. Se non ne avete voglia oppure vi manca il tempo per farla, potete utilizzare tranquillamente delle orecchiette comprate o delle tagliatelle, purché non siano all’uovo.

Unire sul piano da lavoro la farina con l’acqua, impastare per bene e tirare una pasta da ripiegare su sé stessa, in modo da risultare lunga circa dieci centimetri. Dopodiché tagliare la pasta a striscioline, come se dovessimo preparare delle tagliatelle lunghe circa 1 centimetro. Una piccola parte della pasta realizzata deve essere fritta in olio bollente.

A questo punto prendete una padella e fate soffriggere la cipolla nell’olio, versando all’interno il cavolo nero e i ceci e coprendo tutto con acqua. Arrivati ad ebollizione versate la pasta e fatela cuocere nel sughetto ottenuto, che andrà progressivamente ad addensarsi. A fine cottura aggiungere anche la pasta fritta e mescolare per bene.

Lasciate riposare il piatto per qualche minuto e servitelo con una bella spolverata di pepe. Accompagnatelo a del buon pane fatto in casa seguendo la ricetta originale salentina per mordere con i propri denti direttamente la tradizione salentina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento