Sabato, 31 Luglio 2021
Economia

"Adelchi", ferie forzate per 270: proteste e tensioni

L'azienda calzaturiera di Tricase è in crisi, oggi i lavoratori hanno manifestato a Lecce. Sfiorata in qualche occasione la rissa. Lavoratiri prima in via Botti, sotto la Provincia, poi dal prefetto

Lavoratori dell'Adelchi sotto la sede di via Botti della Provincia.

Una Pasqua sofferta per i lavoratori dell'Adelchi. L'azienda è ormai in crisi nera, la mobilitazione generale è iniziata da tempo, e mentre si attende di capire quale possa essere il futuro della storica azienda del filone calzaturiero di Tricase, i lavoratori stanno manifestando le loro paure e le loro perplessità. Anche perché a partire da oggi 270 operai sono stati mandati in ferie forzate. Gli esuberi sono nell'aria e si avvertono con la crisi del settore che avanza inesorabile.

La protesta, che va avanti ormai da giorni, dall'ingresso dell'azienda si è spostata oggi a Lecce, dove gli operai hanno dato vita al dissenso, raggiungendo la sede distaccata della Provincia di via Botti (alle spalle dell'istituto Marcelline). Diversi anche i momenti di tensione, con qualche principio di rissa. Le forze dell'ordine hanno dovuto controllare la situazione per evitare che degenerasse. Una situazione che ha evidentemente raggiunto il parossismo: all'orizzonte, i timori per il futuro, con un'azienda di cui non si conosce il piano industriale per un eventuale finanziamento. Nel primo pomeriggio, i manifestanti si sono poi spostati presso la Prefettura. La speranza, per i lavoratori, è che le trattative fra sindacati, vertici aziendali ed istituzioni possano condurre a qualche rassicurazione concreta.

Nei giorni scorsi gli assessori provinciali Antonio Musio e Luigi Calò avevano manifestato la loro vicinanza ai dipendenti dell'azienda. "Sperando che possa essere solo un falso allarme, siamo fiduciosi nella sensibilità dell'azienda, ma teniamo in giusto conto le apprensioni dei lavoratori", avevano dichiarato, aggiungendo che "entro la prossima settimana la situazione apparirà più chiara e solo allora potremo studiare le migliori soluzioni di quello che ora può apparire solo un momento di stasi nella produzione. Siamo vicini ai lavoratori in questo particolare momento ma nel contempo attenti agli sviluppi della situazione soprattutto in chiave occupazionale".


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Adelchi", ferie forzate per 270: proteste e tensioni

LeccePrima è in caricamento