Economia Piazzetta Ignazio Falconieri

Affittopoli, interviene il sindacato: "Ecco come dire basta al nero"

Una campagna informativa nazionale, è stata presentata questa mattina da Unione inquilini, assieme all'associazione Alternativa ribelle. Da oggi, sarà possibile registrare il contratto d'affitto abbassando il canone di locazione

Un momento dell'incontro

LECCE - Domani allestiranno i banchetti informativi presso l'ateneo leccese, dopodomani invece, si sposteranno nel complesso Ecotekne per coinvolgere gli altri universitari. L'iniziativa, promossa su tutto il territorio nazionale dal principale sindacato a tutela dei cittadini che vivono in affitto, l'Unione Inquilini, è stata presentata questa mattina grazie anche al supporto di una neonata associazione giovanile, Alternativa Ribelle.

DSC_9416-3I 23 mila studenti leccesi fuori sede, il 70 per cento dei quali con un accordo irregolare, potranno finalmente disporre di un contratto legale di locazione, seguendo una procedura molto semplice. Nessuna donchisciottesca battaglia, è la giurisprudenza a sancirlo. Con il decreto legislativo  n°23/2011, già a partire dallo scorso giugno, ogni universitario può recarsi, anche all'insaputa del proprietario di casa,  presso l'Agenzia delle entrate e versare 60 euro, oltre a un ulteriore contributo che, per un appartamento universitario medio, si aggira intorno ai 392 euro, utilizzato per saldare la morosità dei due anni precedenti.

Questa è la spesa da effettuare solo nel primo momento, quello della regolarizzazione del contratto. A partire da quel momento, però, l'affitto diviene più conveniente perché ridotto di circa un terzo. Con un calcolo effettuato sulla base, cioè, della rendita catastale dell'immobile. Che rende più conveniente l'affitto, rispetto al canone attuale.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affittopoli, interviene il sindacato: "Ecco come dire basta al nero"

LeccePrima è in caricamento