Aiuti economici per artigiani e commercianti: Federaziende scende in campo con Confeserfidi

Per aiutare le piccole, medie e grandi imprese colpite dalla chiusura delle attività e dal calo di fatturato, dovuti all’emergenza Covid-19, il Governo ha deciso di introdurre prestiti per Pmi, grandi aziende, comprese le piccole attività gestite dai commercianti e artigiani, che fino a dicembre 2020 potranno accedere al credito in maniera agevolata e coperti da garanzie dello Stato

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Per aiutare le piccole, medie e grandi imprese colpite dalla chiusura delle attività e dal calo di fatturato, dovuti all’emergenza Covid-19, il Governo ha deciso di introdurre prestiti per Pmi, grandi aziende, comprese le piccole attività gestite dai commercianti e artigiani, che fino a dicembre 2020 potranno accedere al credito in maniera agevolata e coperti da garanzie dello Stato.

Questo è quanto stabilito nel Decreto liquidità imprese, approvato in Consiglio dei ministri lo scorso 6 aprile 2020. In particolare, per negozianti, esercenti, artigiani, professionisti e Pmi si potranno ottenere dalle banche prestiti automatici fino a 25 mila euro, senza dover attendere il via libera da parte del Fondo di garanzia pmi, che comunque garantirà il 100% del credito erogato. Negli altri casi, la garanzia coprirà tra il 70% e il 90% dell’importo finanziato, in base alle dimensioni dell’impresa, ed è subordinata a una serie di paletti. In sostanza nel decreto liquidità sono previste diverse fasce di copertura pubblica del prestito, in particolare: le imprese con meno di 5.000 dipendenti in Italia e un fatturato inferiore a 1,5 miliardi di euro ottengono una copertura pari al 90% dell’importo del finanziamento richiesto e per queste è prevista una procedura semplificata per l’accesso alla garanzia.

La copertura è pari all’80% dell’importo richiesto per imprese con oltre 5 mila dipendenti e un fatturato fra 1,5 e 5 miliardi di euro. La copertura è pari al 70% dell’importo del prestito richiesto per le imprese con fatturato sopra i 5 miliardi. L’importo della garanzia non potrà superare il 25% del fatturato registrato nel 2019 o il doppio del costo del personale sostenuto dall’azienda. Per le piccole e medie imprese, anche individuali o partite Iva, sono riservati 30 miliardi e l’accesso alla garanzia rilasciata da SACE sarà gratuito ma subordinato alla condizione che le stesse abbiano esaurito la loro capacità di utilizzo del credito rilasciato dal Fondo Centrale di Garanzia.

Il decreto potenzia ulteriormente il Fondo di Garanzia per le p.m.i., aumentandone sia la dotazione finanziaria sia la capacità di generare liquidità anche per le aziende fino a 499 dipendenti e i professionisti. Inoltre la Giunta della Regione Puglia ha approvato una delibera che consente ai Confidi, (Consorzi Garanzia Fidi) già assegnatari di risorse regionali nella scorsa e attuale programmazione, di riutilizzarle, per il credito diretto, in modo rotativo, per venire incontro alle diverse esigenze delle imprese piccole e micro di tutti i settori economici del territorio pugliese, compreso i liberi professionisti. FEDERAZIENDE, Organizzazione a Carattere Nazionale, ancora una volta ha deciso di sostenere i propri associati ed ha istituito un servizio di informazione per dare un supporto alle piccole e medie imprese di ogni comparto sulle opportunità previste dalla normativa Regionale e Nazionale.

E’ infatti operativo il NUMERO VERDE ANTICRISI 800926213 al quale chiunque interessato potrà rivolgersi per avere gratuitamente utili informazioni dal lunedì al venerdì dalle 9-00 alle 18-00. La parte operativa invece è garantita grazie all’alleanza FEDERAZIENDE / CONFIDI CONFESERFIDI e tanto consentirà di erogare da parte del Consorzio convenzionato con la Regione Puglia finanziamenti diretti alle piccole e medie imprese e ai liberi professionisti per le loro esigenze di credito fino a € 40.000 (liquidità , investimenti).

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento