menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Artigianato in crisi: aziende chiuse anche per effetto del calo del turismo

Il presidente Confartigianato: "Molte imprese non riapriranno. Altri rischiano trasformare la professione in un passatempo"

LECCE – Botteghe artigianali chiuse per la decretazione d'urgenza dovuta alla diffusione del coronavirus. Una vera e propria ecatombe nel Salento, e si teme che molte aziende non riusciranno a riaprire i battenti perché una crisi profonda ha ormai investito l'intero settore produttivo.

L'allarme è stato lanciato dal presidente provinciale della categoria Artigianato artistico, tradizionale e di qualità di Confartigianato Imprese Lecce, Antonio Donato Colì.  

“Il settore ha subito un durissimo colpo a causa delle necessarie misure di contenimento del virus – ha dichiato Colì -. Il nostro settore dovrebbe essere tra gli ultimi a ripartire, almeno dal punto di vista del rilancio. Eppure prodotti come la ceramica, la cartapesta, la pietra leccese, il ferro battuto, l’ebanisteria, il mosaico, la tessitura rappresentano i saperi che hanno contraddistinto l’immagine del Salento nel mondo e non possono finire nel dimenticatoio”.

Ormai le prospettive di un futuro sono ridotte al lumicino: non solo, infatti, molte aziende hanno chiuso i battenti per sempre, ma tanti altri artigiani rischiano di dover trasformare la loro professione in un mero passatempo.

A mettere in crisi il comparto produttivo, oltre al perdurare del divieto di assembramenti e di manifestazioni fieristiche ed eventi, secondo Confartigianato, è anche la prevista diminuzione dei flussi turistici, fondamentali per la sopravvivenza di numerose attività artigiane.

Per questo la ripartenza del settore, a detta di Colì, passa anche attraverso l’aiuto dei salentini.

“L’artigianato artistico è alle prese con una crisi che è sempre più irreversibile. L’auspicio è che i nostri prodotti tipici possano essere acquistati non solo dai turisti ma anche dai salentini che credono nell’importanza della qualità del fatto a mano – ha sottolineato il presidente -. L'artigianato artistico rappresenta e ha rappresentato negli anni un’eccellenza in tutta la provincia di Lecce, un biglietto da visita del Salento e un fiore all'occhiello ammirato in tutta Italia. Mi auguro che le istituzioni locali possano mettere in piedi una campagna di sensibilizzazione per incoraggiare gli acquisti, magari incentivando le vendite on-line”.

Non manca, poi, l’appello alle istituzioni, dal governo alla Regione Puglia.

“Perché, pur rispettando le prescrizioni di distanziamento sociale, non si può vendere nelle proprie botteghe o non si può consegnare a domicilio? L’auspicio è che nel prossimo Dpcm le botteghe siano riaperte al pubblico e alla vendita – ha concluso Colì -. È dalla cultura artigiana che l’economia salentina potrebbe ripartire. Perdere l’attività dell’artigianato artistico non significa soltanto perdere posti di lavoro, significa soprattutto perdere l’immagine del made in Salento nel mondo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento