Domenica, 25 Luglio 2021
Economia

Porto di Otranto, avviata la raccolta firme. Negro chiede “gioco di squadra”

In piazza gazebo per raccogliere adesioni tra i cittadini in favore della infrastruttura e chiedere al Ministero dei Beni Culturali di rilanciare l'iter. Il consigliere regionale: "Un solo parere non può mandare in aria le attese"

Un momento della raccolta firme

OTRANTO - È iniziata questo pomeriggio la raccolta di firme in piazza, ad Otranto, per richiedere il superamento delle barriere burocratiche, che potrebbero arrestare il percorso di realizzazione del porto turistico nella città dei Martiri, alla luce del no espresso dalla Soprintendenza al paesaggio in conferenza dei servizi.

La raccolta firme è appena partita e si muove sul doppio filo, quello dei gazebo pubblici e quello di una petizione on line sulla piattaforma Change. E proprio a sostegno dell’iniziativa, si esprime il consigliere regionale salentino dell’Udc, Salvatore Negro, che chiede alle forze politiche locali e ai cittadini della provincia intera di coalizzarsi in un gioco di squadra in favore dell’infrastruttura: “Oggi e domani – afferma - rechiamoci tutti in piazza per sottoscrivere la petizione al Governo nazionale affinché si possa realizzare il progetto di un intera comunità e del Salento”.

Secondo Negro, l’intera comunità otrantina sarebbe consapevole dell’importanza strategica di questa opera, che permetterebbe di offrire sempre più qualità al turismo, soprattutto in estate: “Come abbiamo già sottolineato in diverse occasioni bisogna superare gli ostacoli di carattere burocratico – aggiunge - che si frappongono alla realizzazione di quest’opera che potrebbe portare una nuova boccata di ossigeno all’economia del territorio, soprattutto in considerazione dei nuovi preoccupanti dati sulla disoccupazione”.

Per il consigliere dell’Udc, non si può accettare che un parere, seppur autorevole, “rischi di mandare all’aria 30 anni di speranza e decine di pareri positivi di tanti altri funzionari”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto di Otranto, avviata la raccolta firme. Negro chiede “gioco di squadra”

LeccePrima è in caricamento