Sabato, 31 Luglio 2021
Economia

Addio Billa: nuova ondata di scioperi e manifestazioni dei dipendenti

Da questa mattina è ricominciata la "serrata" dei 72 dipendenti dell'ipermercato di San Cesario e gli scioperi proseguiranno.Venerdì sit-in in Provincia di Lecce, sabato corteo e manifestazione sotto la Prefettura

Foto LeccePrima (tutti i diritti riservati)

SAN CESARIO DI LECCE - Sono passati alle maniere forti i 72 dipendenti dell’ipermercato di San Cesario di Lecce, “Billa”, e c’era da scommetterci che sarebbe successo. Dalle 11 di questa mattina hanno abbassato le saracinesche e incrociato le braccia: nulla si muove nella loro vertenza e dal 28 l’ipermercato, il primo nella storia di Lecce, non esisterà più. Il conto alla rovescia (meno dieci giorni) è partito, velocissimo, anche per quanto riguarda l’attivazione delle procedure di mobilità.

L’ultima speranza dei dipendenti si aggrappa, quindi, al filo dell’incontro del 24 a Bari tra sindacati e task force regionale: “Siamo in attesa di conoscere gli elementi di novità, se ce ne sono, che ci permetteranno di elaborare un progetto di risoluzione della vertenza. La nostra priorità rimane la salvaguardia dei livelli occupazionali e puntiamo la nostra attenzione solo su proposte concrete finalizzate alla ricollocazione dei lavoratori, affinchè nessun posto di lavoro venga disperso”, sottolinea il segretario regionale Uiltucs, Giuseppe Zimmari.

Le prospettive non sono rosee. Il gruppo Rewe, continua a tacere sulle reali intenzioni di un presunto operatore commerciale che si è affacciato nella trattativa, manifestando una volontà di acquisire (e ridurre) l’area vendita. Le condizioni sono fumose ed il rischio che solo una parte dei lavoratori sarà ricollocata sempre più concreto. Ricomincia quindi, più tenace di prima, la lotta sindacale con un pacchetto di 80 ore di scioperi.

Domani mattina è previsto un sit-in presso la Provincia di Lecce, sabato invece il corteo dei dipendenti muoverà dal punto vendita fino alla Prefettura. “È necessario che tutte le istituzioni, evitando strumentalizzazioni politiche, concorrano a salvare 73 posti di lavoro, - sottolinea la Segretaria della Filcams Cgil Lecce - in un momento in cui la crisi occupazionale si sta abbattendo impietosa sul territorio. Cosa, infatti, molto grave – aggiunge Valentina Fragassi di Filcams Cgil Lecce - è il fatto che non è ancora sciolto da parte del gruppo Rewe il nodo riguardante il futuro del punto vendita di San Cesario e il destino delle persone che vi lavorano. Tutto ciò dopo aver usufruito, per ben tre anni, dei contratti di solidarietà”.

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio Billa: nuova ondata di scioperi e manifestazioni dei dipendenti

LeccePrima è in caricamento