Bpp dimostra solidità: utile netto superiore a 10 milioni di euro

I vertici, nel corso di una conferenza stampa, hanno illustrato i dati che confermano un 2015 positivo per l'istituto, con prospettive di crescita futura

LECCE – Banca Popolare Pugliese conferma la sua posizione di rilievo tra gli istituti di credito del Sud Italia. Sono i numeri a parlare per lei: il 2015 si è chiuso, infatti, all’insegna della stabilità, con un utile netto che ha superato i 10 milioni di euro. Le cifre del successo sono state illustrate dai vertici questa mattina, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta presso la filiale di Lecce. Tra i presenti, in particolare, il direttore generale Mauro Buscicchio ed il presidente Vito Primiceri.

Nel dettaglio, la raccolta netta ascendente, hanno spiegato, è in crescita del 4,22 percento e pari a 2.878 milioni di euro mentre il coefficiente di capitale totale è del 15,03 percento: “I coefficienti patrimoniali – ha precisato Buscicchio – si collocano sui livelli più alti fra quelli di sistema, come si legge nell’ultimo bollettino economico di Banca d’Italia, e sono di gran lunga al di sopra del livello minimo richiesto al Bpp dall’autorità di Vigilanza a seguito dello Srep”. In sostanza, il capitale totale della banca è rappresentato da capitale primario di prima classe e l’utile netto del 2015 consentirà di sottoporre ai soci (che si riuniranno in assemblea a Gallipoli il 17 aprile) la distribuzione di un dividendo di 8 centesimi per azione, rafforzando così anche il patrimonio netto.

La banca si confronta, peraltro, con una serie di problematiche derivanti sia dalla crisi economica che ha investito il territorio, sia delle novità normative che hanno interessato il sistema bancario, ma una gestione attenta e la realizzazione di importanti proventi finanziari hanno permesso di fronteggiare gli effetti negativi di queste variabili esterne. “Nel 2015 si è assistito, infatti, ad un incremento dei crediti deteriorati lordi e abbiamo risposto, in linea con gli indirizzi e le sollecitazioni pervenute dalla Vigilanza, rafforzando gli indici di copertura/ di rettifica”, ha proseguito il direttore generale.

foto 3-12-12Interessante è anche il texas ratio, una formula che calcola il rapporto tra crediti lordi deteriorati e somma del patrimonio tangibile più gli accantonamenti: nel caso di Bpp quest’ indice è pari allo 0,84 percento, a riprova della solidità dell’azienda. La banca ha deciso, quindi, di ramificare la sua attività espandendosi in Abruzzo, rafforzando la sua presenza in Molise, acquisendo sei sportelli da Banca Carim ed è entrata a far parte del gruppo la Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio di Benevento, con i suoi sette sportelli dislocati tra Campania e Molise.

“Guardiamo positivamente al futuro, nonostante i segnali di ripresa economica in Italia proseguano tra luci ed ombre – ha aggiunto il presidente Primiceri -. L’evoluzione della banca sarà positiva anche nel 2016 e frutto della strategia aziendale che vuole assicurare la crescita del gruppo”. Una parte importante di questa strategia è data dalla costante apertura verso le nuove tecnologie (internet, app, skype, metodi di consulenza on-line) che permetteranno di agevolare il rapporto diretto con la clientela offrendo risposte multicanali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel Salento la banca collabora anche direttamente con le scuole: significativo è il progetto sviluppato insieme ai ragazzi del liceo Banzi di Lecce che sono stati direttamente coinvolti nell’apprendimento delle principali operazioni bancarie. Dalla fine del 2015 anche la relativa Fondazione Bpp Giorgio Primiceri è divenuta operativa mediante il finanziamento di interessanti progetti nel settore socio-sanitario, in collaborazione con i ricercatori universitari (ad esempio sul problema xylella) ed in progetti di ricerca sulle classi meno abbienti, sempre in partnership con l’università.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento